Cabtutela.it

Domani martedì 5 settembre 2017, alle ore 10.30 nella sala consiglio del Rettorato dell’Università di Bari, sarà presentata alla stampa la nuova Summer School: “Tutela del mercato tra ordinamento cinese e italiano”.

L’apertura della Cina al mondo globalizzato e la crescente presenza di operatori cinesi sul territorio europeo impongono agli operatori del settore giuridico ed economico di conoscere le categorie che regolano il sistema ordinamentale cinese. Studiare tale sistema significa apprendere il modo in cui il legislatore cinese ha recepito categorie proprie di ordinamenti di Common e di Civil Law, filtrando le esperienze giuridiche straniere per effettuarne una sintesi del tutto inedita.

Il progetto della Summer School dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro – Dipartimento Jonico in “Sistemi giuridici ed economici  è finanziato dalla Regione Puglia e si propone di trasmettere allo studente le categorie concettuali e tecnico-linguistiche che consentano la comprensione del diverso modo di concepire il diritto e l’ordinamento giuridico in Cina.

La Scuola, sponsorizzata dal Banco di Napoli S.p.A.,  si rivolge a studenti in possesso di Laurea Triennale, Laurea Specialistica/Magistrale, Diploma universitario. Possono essere altresì ammessi i candidati che non siano in possesso di uno dei titoli di studio elencati, previa valutazione ed approvazione della Direzione del Corso, purché abbiano maturato un’esperienza professionale di almeno un biennio  (iscrizione all’albo professionale, attività certificata e quant’altro ). L’Università degli Studi di Bari ai partecipanti riconoscerà il credito didattico di n. 5 CFU. Direttore della Summer School: Prof. Fabrizio Panza (fabrizio.panza@uniba.it)

Comitato scientifico: Prof. Antonio Felice Uricchio; Prof. M. T Paola Caputi Jambrenghi; Prof. Paolo Stefanì; Prof. Laura Tafaro; Prof. Paolo Pardolesi; Prof. Fabrizio Panza.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui