Senza paura di essere tacciato come anticlericale, Gianluigi Nuzzi in “Pecunia – La via crucis di Papa Francesco” svela alcuni retroscena sugli scandali del passato e del presente che condizionano la storia del Vaticano. “Mi querelassero per quel che dico”, esordisce Nuzzi dal palco del teatro Palazzo di Bari.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

La scenografia minimalista è simile a quella di uno studio televisivo “dal vivo”. Una scrivania, qualche oggetto chiave per il racconto, una lampada verde. Nel teatro multimediale di Nuzzi al monologo avvincente si alternano filmati, registrazioni e documenti inediti raccolti nei libri-inchiesta “Sua Santità”, “Vaticano S.P.A.” e “Via Crucis”.

Il giornalista investigativo ripropone in ordine cronologico quattro temi fondamentali: nomi e volti dei vescovi “epurati”, la scomparsa di Emanuela Orlandi e i legami con la banda della Magliana, la gestione dell’istituto per le opere di religione Ior e il caso del “doppio” papato. La politica “povera” di Francesco, iniziata dal papa emerito Benedetto XVI, per Nuzzi si opporrebbe a un sistema ormai radicato e finalizzato anche al “riciclaggio di danaro”.

Tra suicidi e omicidi, casi irrisolti, intrecci di potere Stato-mafia-Chiesa, lotta politica all’interno del conclave si giunge al prologo con una domanda aperta: “Se papa Francesco ha impiegato quattro anni per vietare la vendita di sigarette all’interno del Vaticano, quanto tempo passerà per eliminare pedofilia e corruzione da quella monarchia assoluta?”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here