Nessun annuncio, bocche cucite e task force a porte chiuse. L’unica certezza sul destino di 191 operai della ex Om è il rinnovo della cassa integrazione, già in deroga, scaduta il 21 dicembre scorso. Questa mattina il governatore Michele Emiliano ha incontrato i lavoratori e i sindacati ex Om, alla presenza del curatore fallimentare della Tua Industries Enzo Pacella e del sindaco di Modugno Nicola Magrone, per fare insieme il punto della situazione e rilanciare la vertenza.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

“La cassa integrazione ci permette di sopravvivere ma vogliamo tornare a produrre senza bisogno di assistenzialismo. Accettiamo anche la ricollocazione”, spiega nel video Francesco Carbonara, sindacato Fiom Cgil Bari. La fabbrica della zona industriale di Modugno è chiusa dal 2011 dopo la decisione della multinazionale Kion. Lo scorso settembre fu annunciata la reindustrializzazione con la produzione di 6 mila esemplari della macchina elettrica “made in Bari”. Fino al blocco definitivo al progetto della multinazionale americana Tua Industries.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here