Lo stabilimento Cementir di Taranto, insieme agli altri della società, è passato dal gruppo Caltagirone a Italcementi, che lo ha acquisito nei mesi scorsi e che ultimamente ha ottenuto anche il via libera dell’Antitrust italiano. Italcementi – annuncia – “ha perfezionato l’acquisizione di tutte le attività italiane di Cementir holding, consistenti in una struttura industriale formata da cinque cementerie a ciclo completo e due centri di macinazione, oltre che un network di terminal e impianti di calcestruzzo attivi sul territorio nazionale. La transazione si è conclusa a fronte di un corrispettivo di 315 milioni di euro (enterprise value, cash and debt free)”.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

Gli asset di Cementir Italia e delle società interamente controllate Cementi Sacci e Betontir, si precisa, “andranno ad aggiungersi alla struttura industriale Italcementi fino a oggi formata da sei cementerie a ciclo completo, un impianto per prodotti speciali, otto centri di macinazione del cemento, 113 impianti di calcestruzzo e 13 cave per inerti”. “E’ una tappa tappa storica per la nostra società” afferma Roberto Callieri, amministratore delegato di Italcementi.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here