Rientro a scuola con sorpresa per i ragazzi degli istituti Panetti e Perotti di via Re David: l’edificio, diviso in due, si è ritrovato senza luce per dei lavori in corso dell’Enel. La Città metropolitana ha subito chiesto spiegazioni su quanto stava avvenendo: “Noi non c’entriamo – spiega Vito Lacoppola, delegato all’Edilizia scolastica – l’Enel sta effettuando degli interventi di urgenza”. Fatto sta che oggi, nel giorno di rientro a scuola, i disagi sono stati enormi e i ragazzi hanno protestato all’esterno. Ovviamente l’interruzione della corrente elettrica ha portato alla sospensione del riscaldamento (gli impianti erano stati accesi durante le festività proprio per non fare trovare gli studenti al freddo) e delle pompe dell’acqua. Gli insegnanti si sono quindi rifiutati di fare lezione in queste condizioni. La preside ha allertato genitori e studenti e sono rientrati quindi tutti a casa.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

2 COMMENTI

  1. In realtà la notizia è molto imprecisa. Sono la dirigente scolastica del Panetti Pitagora e quando stamattina sono arrivata nella sede Panetti ed ho trovato i tecnici Enel e mi hanno comunicato che il guasto si sarebbe eliminato in tarda mattinata ho allertato la Città Metropolitana, il Provveditore ed ho disposto la chiusura della scuola per mancanza di luce, acqua, riscaldamento e misure di sicurezza. Così gli studenti sono tornati a casa, i genitori sono stati avvisati con sms, i docenti, dopo una riunione di programmazione delle prossime attività scolastiche, ed il personale Ata sono usciti dalla scuola.

    • Buongiorno preside,
      dove stanno le imprecisioni nell’articolo? Noi non le vediamo. Prima di scrivere abbiamo chiamato, come facciamo sempre, la Città Metropolitana che ci ha spiegato quanto accaduto.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here