Dal primo gennaio è entrato in vigore a Bari il regolamento in materia di ravvedimento operoso Imu. A darne notizia  il consigliere comunale di opposizione Michele Picaro, il proponente della proposta regolamentare, approvata all’unanimità dal Consiglio comunale. Da ora in avanti, anche per i cittadini che hanno in possesso immobili nel Comune di Bari, sottoposti all’Imu, qualora provvedano spontaneamente al versamento della tassa, oltre i termini previsti, non saranno più tenuti a versare sanzioni nella misura del 30 per cento, bensì si applicheranno sanzioni in misura crescente da un minimo dello 0,1%, se si corrisponde l’imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza, ad un massimo del 6%, se il contribuente versa il quantum entro 4 anni dalla scadenza del termine previsto. “In tal senso – commenta Picaro – i cittadini saranno meno vessati, sarà stimolata la tax compliance, a cui le esperienze precedenti hanno prodotto risultati come maggiori introiti nelle casse comunali (senza avviare le procedure di riscossione) ed una conseguente riduzione della mole di lavoro per la ripartizione tributi che potrà dedicarsi ad altre attività”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here