Cabtutela.it
acipocket.it

Tra poco più di un mese, dal 28 febbraio all’8 marzo, l’aeroporto di Bari chiuderà per 8 giorni per permettere la realizzazione di alcuni lavori di potenziamento infrastrutturali. La chiusura, però, avverrà anche nel giorno in cui in Italia si voterà per il rinnovo del parlamento e questa coincidenza sta provocando polemiche. In Consiglio regionale è stata depositata anche una interrogazione urgente al presidente Michele Emiliano e all’assessore ai Trasporti, Antonio Nunziante.

Il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, ha sollevato la questione: “Si consenta – attacca – a tutti i cittadini di raggiungere la Puglia per esercitare il diritto-dovere al voto. La chiusura dell’aeroporto di Bari per lavori di potenziamento infrastrutturali, proprio in coincidenza con le elezioni politiche, non può che essere oggetto di un’interrogazione consiliare urgente per richiedere di posticipare di qualche giorno la data d’inizio delle opere, in modo da non interrompere la mobilità verso il capoluogo pugliese”.

Lo scalo resterà chiuso al traffico dalle ore 23 del 28 febbraio 2018 sino a tutto l’8 marzo 2018. La riapertura è prevista per le ore 6 del 9 marzo 2018.  Le compagnie aeree  hanno predisposto le conseguenti variazioni ai propri piani operativi aumentando la capacità degli aeromobili sull’aeroporto del Salento di Brindisi. I lavori di potenziamento delle infrastrutture di volo e prolungamento pista  prevedono l’acquisizione di nuove aree di sicurezza  in corrispondenza della testata 07 che consentiranno di portare la Lda (Lunghezza Disponibile in Atterraggio) a 3.000 metri. Verrà inoltre prolungato  il sentiero di avvicinamento luminoso  che passerà dagli attuali 720 metri a 900 metri, e sarà realizzato il nuovo asse luminoso che consentirà  decolli anche con scarsa visibilità. In contemporanea al rifacimento dell’asse pista sarà riqualificata l’intera infrastruttura di volo, il sottofondo e la pavimentazione con il rifacimento dello strato di usura in conglomerato bituminoso.

“I lavori in programma – attacca ancora Damascelli – sono interventi importanti e ne siamo certamente lieti, ma posticiparne solo di pochi giorni l’avvio mi pare un atto dovuto. Mi auguro di trovare nella Giunta regionale un riscontro immediato e la condivisione di questa esigenza, con un intervento dell’assessore regionale ai trasporti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui