Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

“Quando la sinistra assume le idee della destra non prende i voti dei moderati, ma prepara il terreno affinché la destra vinca”. Lo ha detto Massimo D’Alema candidato al Senato nella lista di Liberi e Uguali a San Giorgio Ionico, incontrando cittadini ed elettori. “Il centrosinistra ha imitato – ha aggiunto D’Alema – la destra umiliando gli insegnanti, togliendo le tasse ai ricchi e distruggendo i diritti dei lavoratori. Questi erano gli obiettivi di Berlusconi. Renzi può dire oggi di averli realizzati. Ha anche pensato di fare il Ponte sullo stretto di Messina e non c’è da stupirsi se oggi gli italiani preferiscano l’originale alla copia”.

“Renzi – aggiunge Michele Laforgia, capolista Leu a Bari – è venuto a Bari per insultare l’intelligenza degli elettori. Non può venire qui e dire che chi vota per me vota per Salvini. E’ Renzi che ha fatto crescere la Lega, triplicandone i consensi negli ultimi cinque anni (dal 4% del 2013 al 13% degli ultimi sondaggi), grazie alla paura e alla rabbia generate, soprattutto al Sud, dall’aumento delle diseguaglianze, della precarietà, della disoccupazione giovanile. Ha assecondato Salvini e la Lega contro le Ong, lasciando i migranti, uomini, donne e bambini, nei campi di detenzione in Libia. Ha scritto nel suo libro che bisogna “aiutarli a casa loro”, proprio come ha sempre detto Salvini. Il suo Governo ha approvato a suon di fiducia una legge elettorale truffa per nominare i suoi parlamentari nelle liste bloccate e impedire liste di sinistra. Lo ha fatto d’accordo con Berlusconi, che ha promesso a Salvini il ministero dell’Interno. Ora mi offende perché sa che i suoi elettori lo stanno abbandonando: un tentativo di estorsione ai danni della libertà di voto. Aspetto le sue scuse e quelle di Decaro, Lacarra ed Emiliano”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui