Sulle ali dell’entusiasmo per l’importante vittoria di sabato scorso contro Cesport Napoli, la Waterpolo Bari affronta questa sera alle 18 in Abruzzo la sfida contro Pescara N E PN. Difronte, per l’undicesima giornata di serie A2 (girone Sud) di pallanuoto, i ragazzi di Antonello Risola si troveranno una squadra storica del panorama pallanuotistico nazionale, tornata in A dopo diversi anni, nei quali le due formazioni si sono sfidate più volte per i quartieri alti della B.

Dopo un inizio folgorante, la squadra allenata da Mammarella ha rallentato la sua corsa che l’ha portata comunque in una zona tranquilla di classifica, a 13 punti, a ridosso delle prime. Sarà compito delle calottine biancorosse, quindi, provare a vincere e risucchiare nella lotta per la salvezza gli avversari di domani. Compito non certo agevole. Da una parte, infatti, Pescara si presenta come squadra attrezzata per la categoria, con due centroboa di livello, come Giordano e Delas, discreti tiratori e un mancino temibile, come D’Aloisio. Dall’altra, la squadra allenata da Antonello Risola si presenta con qualche acciaccato e qualche elemento in forse. Su tutti Palmisano, ancora reduce dall’infortunio al polso, che l’ha tenuto lontano dalla vasca dello Stadio del Nuoto sabato scorso per la sfida contro Napoli.

“È una partita complicata – spiega Risola – ma che la squadra ha preparato bene, allenandosi intensamente in settimana. In vasca dobbiamo avere lo stesso atteggiamento di sabato scorso, ripartire dalle cose positive che abbiamo fatto contro la Cesport, cercando di stare concentrati fino alla fine. Il morale della squadra, dopo l’ultima vittoria, è alto e sappiamo che in palio domani ci sono punti importanti”.

Aggiornamenti sul risultato della partita saranno disponibili sulla pagina Facebook dello Stadio del Nuoto di Bari

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here