Lirica dedicata a ragazzi e famiglie. Ma la nuova produzione della Fondazione Petruzzelli “Il gatto con gli stivali”  è a un passo dal teatro dei “grandi”. Lo conferma il debutto di ieri con doppio spettacolo pomeridiano: in platea lo stupore dei più piccoli e gli applausi a ogni cambio scena, sul palcoscenico una rappresentazione fedele alla fiaba popolare che ha convinto gli spettatori.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

L’opera commissionata al musicista Nicola Scardicchio e a Maria Grazia Pani racconta la storia del giovane Fortunato e del suo gatto parlante che parla, consiglia, organizza. Un gatto astuto e dotato di stivali che lo aiuteranno a rendere il suo padrone felice e ricco. L’opera è in programma al Teatro Petruzzelli in matinée per le scuole a partire da domani fino a giovedì 31 maggio e da giovedì 22 novembre a mercoledì 28 novembre.

In cartellone anche recite pomeridiane aperte a tutti:
martedì 15 maggio // ore 17.00 e 18.30
sabato 19 maggio // ore 17.00 e 18.30
domenica 20 maggio // ore 18.30
sabato 26 maggio // ore 17.00 e 18.30
domenica 27 maggio // ore 17.00 e 18.30
sabato 24 novembre // ore 17.00 e 18.30
domenica 25 novembre // ore 18.30
Il costo dei biglietti per le pomeridiane è di 5 euro con posto numerato e per qualsiasi ordine. I biglietti sono già in vendita al botteghino del Teatro Petruzzelli e on line su www.bookingshow.it.
Per informazioni: 080.975.28.10

L’orchestra del teatro Petruzzelli è stata diretta dal maestro Alvise Casellati. Tra i protagonisti Valentino Buzza (Il gatto), Paola Leoci (La gattina Berenice), Daniele Adriani (Fortunato), Carlo Sgura (Antonino), Francesco Auriemma (Fanigliulo), Alberto Comes (Il Re di Bordonia), Teresa Di Bari (La Regina di Bordonia), Claudia Urru (La Principessa), Kamelia Kader (La Strega Vastrusa). Costumi di Luigi Spezzacatene, scenografie Francesco Arrivo.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here