Cabtutela.it
acipocket.it

Sono terminati gli interventi relativi all’accessibilità e al funzionamento del Polipark. Gli ultimi lavori di riqualificazione dell’autosilo hanno interessato la viabilità e l’illuminazione delle aree esterne dell’edificio.

In particolare, si tratta del completamento della pavimentazione delle rampe in ingresso e uscita, dell’illuminazione di ampie zone prima sprovviste di impianto con l’installazione di 30 pali con lampade a led a bassissimo consumo energetico, della collocazione dei dispositivi di regolamentazione ingresso/uscita dal Polipark che, a seguito dell’imminente attivazione del sistema di regolamentazione degli accessi all’intera area del policlinico con cui dialogheranno i software di gestione del Polipark, consentirà ai veicoli in entrata dall’ospedale di accedere e parcheggiare nel Polipark, e viceversa nel caso vi fosse la necessità di prelevare un paziente prima di uscire dall’area ospedaliera.

“Da qualche giorno – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso – la fruizione dei cinque livelli del Polipark, dal piano -1 al terzo è nettamente migliorata. Il nuovo impianto di illuminazione infatti oltre e incidere sulla sicurezza degli automobilisti garantisce una maggiore percezione di sicurezza a tutti gli utenti, tra cui sicuramente ci sono tantissime lavoratrici e lavoratori del Policlinico che affrontano turni anche in orari notturni, fruendo quotidianamente di questo grande parcheggio di scambio. Infatti, proprio l’assenza di luci adeguate aveva scoraggiato tante persone a utilizzare questo parcheggio in passato. Questo intervento si inserisce nell’ambito dei lavori per la viabilità esterna al Polipark in collegamento proprio con l’azienda ospedaliera e con la fermata delle Fal che serve ai cittadini per raggiungere il centro cittadino in soli sei minuti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui