Rapporti non protetti con oltre 200 partner in 9 anni, nonostante fosse a conoscenza di essere sieropositivo. In manette ieri Claudio Pinti, autotrasportatore di 36 anni di un centro a pochi chilometri da Ancona. L’uomo è stato arrestato dalla Squadra Mobile e dal Servizio Centrale Operativo (Sco) della Polizia con l’accusa di lesioni gravissime dolose. A denunciarlo la compagna che, dopo essersi sottoposta ad analisi, ha scoperto di essere stata contagiata. Ad agosto 2017, hanno riferito gli investigatori durante una conferenza stampa alla presenza anche del Questore Oreste Capocasa e del Procuratore della Repubblica facente funzione Irene Bilotta, il 36enne aveva perso l’ex compagna stroncata dall’Aids e forse anche lei contagiata da Pinti.  ​La Squadra Mobile, diretta da  Carlo Pinto, e lo Sco, guidato da Francesca Capaldo, verificheranno la circostanza che potrebbe portare anche a contestare l’ulteriore ipotesi di omicidio volontario. Al momento la priorità per gli inquirenti è la ricerca di altri partner del 36enne (non si esclude vi siano anche uomini), contattati su chat e social network, esposti al rischio Hiv, per invitarli a sottoporsi agli accertamenti o alle cure del caso. L’uomo, che per lavoro si spostava in varie zone d’Italia, ha infatti riferito agli agenti di circa 200 rapporti non protetti.

aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here