Cabtutela.it
Aproli

Oltre 5 mila tifosi del Bari sono tornati quest pomeriggio a colorare la curva Nord del vecchio stadio della Vittoria per l’incontro col sindaco Antonio Decaro. Tema dell’assemblea sugli spalti: decidere insieme il futuro del calcio nel capoluogo pugliese dopo la mancata iscrizione al campionato di serie B. La palla, infatti, da oggi e nelle mani del sindaco, che ha dieci giorni per consegnare il titolo sportivo a un nuovo sodalizio in grado di far rotolare ancora il pallone in riva all’Adriatico.

“Il calcio non morirà mai, custodiamo la squadra come la cattedrale, come la basilica di San Nicola, come il Teatro Petruzzelli” ha urlato al termine dell’incontro Decaro tra applausi e cori dei tifosi, dopo aver illustrato le proposte in campo e aver ascoltato gli interventi di una ventina di tifosi (avevano 5 minuti a testa a disposizione per parlare). Entrare a far parte della nuova società, ricerca di un sodalizio trasparente e solido, rispetto per i colori biancorossi e i loro tifosi, il ritorno allo stadio della Vittoria e tentare il ripescaggio in Lega Pro sono alcuni dei punti cardine promossi dai tifosi. Proposte che dovranno pervenire per iscritto al Comune attraverso l’indirizzo email baricalcio@comune.bari.it, che saranno pubblicate sul sito web dell’amministrazione e discusse.

Sulla questione stadio, l’assessore comunale allo Sport, Pietro Petruzzelli, ha ribadito quanto sostenuto i giorni scorsi attraverso Borderline24, cioè l’impossibilità del trasferimento dal San Nicola al vecchio della Vittoria: “Tra posizionamento telecamere, tornelli, rifacimento del manto erboso ecc servirebbe investire oltre 700 mila euro entro settembre. Dobbiamo escludere questa ipotesi”

 

Al termine dell’incontro sono partiti cori per la squadra e contro il vecchio proprietario dell’Fc Bari 1908 Cosmo Giancaspro.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui