lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Il primo anno il nuovo Bari costerà ad Aurelio De Laurentiis circa tre milioni di euro, di cui due milioni solo per il personale (tra calciatori e staff). Lo si legge nero su bianco nel business plan che il neo presidente della Ssc Bari ha consegnato al sindaco Antonio Decaro. “Dalle ceneri di un fallimento, quello del Napoli – si legge nella lettera di accompagnamento – dove non ho trovato nemmeno un ‘asset’, oltre alle scrivanie, ai palloni, alle tute da gioco, siamo riusciti, in 36 mesi, a conquistare la massima serie e partecipiamo, da nove anni consecutivi, alle manifestazioni organizzate dalla UEFA (‘Champions League ed Europa League’), unica squadra italiana a vantare una continuità del genere. Neanche la tanto gloriosa Juventus ci è riuscita”. De Laurentiis sa di partire quasi da zero e ha intenzione di usare l’esperienza del Napoli per fare rinascere il Bari e “accelerare al massimo la riconquista del giusto posto che compete a tale città nel mondo del calcio”.
“Ho già contattato e selezionato una serie di giocatori, tecnici e dirigenti non da Serie
D ma che si sono dichiarati entusiasti di giocare e operare nella vostra città – si legge ancora –  e nella nuova società, entrando a far parte di un progetto di lungo termine. Saranno tutti uomini Bari, con la maglia che sarà per loro una seconda pelle. Il settore giovanile potrà ripartire dai baby atleti svincolati dalla vecchia società che desidereranno dare fiducia a noi e iniziare un percorso entusiasmante, oltre, ovviamente, ad un ampio reclutamento sul territorio. Massima attenzione verrà, poi, riservata anche al calcio femminile, allo scopo di riunire sotto la medesima realtà uomini e donne, maschietti e bambine che vorranno avvicinarsi a questo magnifico sport. Non appena mi sarà stato assegnato il titolo, già il 31 luglio prossimo, finalizzeremo l’imponente lavoro già in progress (stipulazione della convenzione riguardante l’impianto sportivo San Nicola, comprensiva degli uffici, delle pertinenze e dell’annesso campo di allenamento, affiliazione alla FIGC, subentro nel titolo sportivo, iscrizione alla CCIAA della società, tesseramento di tecnici, atleti, dirigenti, medici, preparatori, etc.)”.

Sui costi ricorda anche quelli delle infrastrutture stimabili intorno ai 250 mila euro di manutenzione ordinaria, “molto dipenderà dall’accordo che auspichiamo verrà raggiunto con l’Amministrazione Comunale per l’utilizzo dei due impianti cittadini, lo Stadio ‘San Nicola’ e lo Stadio ‘Della Vittoria’, che certamente soddisfano le esigenze di un club ambizioso come SSC Bari ma, al contempo, implicano un impegno non indifferente per il mantenimento in ottime condizioni, tali da renderli confortevoli e sicuri per gli spettatori, e per la gestione e manutenzione ordinarie”.

“Confidiamo – scrive ancora – molto nei ricavi da abbonamenti e ticketing, aspettandoci
approssimativamente, ovviamente previo allestimento di una compagine competitiva, una presenza massiccia allo Stadio, di circa 10-15.000 spettatori per ogni gara casalinga, per un ricavo annuo stimabile auspicabilmente in circa € 400.000,00”.

Il verbale per l’assegnazione del titolo sportivo

Secondo il verbale della commissione comunale sono state dodici le proposte vagliate. Arrivata all’ultimo minuto quella di Nicola Brienza, che però insieme ad altre cinque, presentava delle carenze nella documentazione richiesta.

Questione stadio San Nicola

Intanto non si è risolta ancora la questione dello stadio San Nicola, le cui chiavi, reclamate dal Comune, non sono ancora state consegnate dall’ex presidente della Fc Bari, Cosmo Giancaspro. “Si tratta  – commenta l’assessore Pietro Petruzzelli – di un atteggiamento incomprensibile da parte dell’ex presidente della Fc Bari che sembrerebbe teso ad ostacolare il nuovo corso sportivo della città. A noi lo stadio serve, bisogna capire gli interventi da fare. Per la prima volta in questo mandato l’amministrazione deve farsi carico della manutenzione straordinaria”.

 

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui