Il nuovo regolamento presentato dalla Commissione europea sulla Cooperazione territoriale europea post-2020 “rischia di compromettere fortemente i programmi Interreg che hanno coinvolto la Puglia nelle ultime programmazioni, in particolare i programmi con la Grecia, l’Albania e il Montenegro”. È l’allarme lanciato in una nota congiunta dagli eurodeputati Raffaele Fitto (Noi con l’Italia) ed Elena Gentile (Pd).

“Le scelte effettuate dalla Commissione Ue – denunciano i due eurodeputati pugliesi – avvantaggiano fortemente le regioni dell’Europa del Nord e le regioni ultra periferiche, penalizzando le regioni dell’area del Mediterraneo. La problematica principale – spiegano – riguarda l’esclusione della cooperazione transfrontaliera marittima nell’ambito della componente 1 con rischio in vari settori, in particolare per quanto riguarda le Pmi, la sicurezza marittima, e la protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali”. Secondo i due eurodeputati pugliesi, “preoccupa anche la riduzione delle risorse e l’aumento della quota di cofinanziamento nazionale che, se non escluso dal Patto di Stabilità, mette a serio rischio l’efficacia e l’efficienza di questi programmi. Il finanziamento previsto per la Cooperazione territoriale europea passerebbe dal 2,75% al 2,5%, oltre ad una forte riduzione della percentuale prevista per la cooperazione marittima”, aggiungono Fitto e Gentile, annunciando che nei prossimi giorni presenteranno “una serie di emendamenti” per “migliorare il testo proposto” e per “permettere a questi programmi di continuare a svolgere il loro ruolo propulsivo dal punto di vista economico, sociale e culturale”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here