Bari, commercianti in fuga dal mercato del lunedì: “Poca gente, qui vincono gli abusivi” – VIDEO

Come mostra il video in alto, ogni settimana lunghe file di piazzole restano deserte o "occupate"

5787

“Da qui dobbiamo andare via, non c’è altra soluzione”. Sono sul piede di guerra i venditori ambulanti del mercato del lunedì, in via Napoli alla periferia del quartiere Libertà. In cinque anni da 330 mercatali si è passati a 285 bancarelle con 45 attività cessate. Sul totale, in media, 80 venditori “autorizzati” decidono di lasciare la piazzola deserta. E cosi ogni settimana lunghe file restano vuote oppure occupate da commercianti occasionali che offrono sopratutto abiti usati.

“Questo mercato era il fiore all’occhiello della città – racconta nel video Marco Colella, vice presidente provinciale Fiva Confcommercio Bari e Bat -. Oggi ci sono più spese che incassi, aprire significa perdere danaro. Chiediamo all’amministrazione comunale un tavolo tecnico, noi abbiamo delle proposte”. Il mercato del lunedì, da appena cinque anni, è stato trasferito da via Fiore per la costruzione del ponte Adriatico. Ma le problematiche non mancano: abusivismo, zone ristoro mai costruite, assenza di protezione da maltempo e afa. Solo quattro bagni, malfunzionanti e senza acqua, aree verdi in evidente abbandono, stalli occupati senza pagare. “Dallo scorso 26 aprile attendiamo un confronto con l’assessore Palone, finora non abbiamo ricevuto alcuna risposta”, conclude Colella. A preoccupare c’è anche il caso amianto. La zona prospiciente allo stadio Della Vittoria è interessata da discariche di amianto a poca distanza dall’area commerciale.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here