“Non siamo contrari alla nascita dell’Areu, ma condividiamo i dubbi espressi dalle altre organizzazioni sindacali dei medici sul processo di nascita della nuova Agenzia, con l’internalizzazione del personale dedicato all’emergenza urgenza” – dichiara Nicola Gaballo, Fimmg Emergenza Puglia.

A fronte di un servizio, quello attuale dei 118 provinciali, che funziona, si costruisce una struttura per la quale manca un’analisi dei costi, delle modalità operative e dei risultati obiettivo in termini di efficienza. “Ci preoccupa il fatto che i fondi attualmente stanziati per 525 medici convenzionati sarebbero sufficienti a coprire solo 200 medici dipendenti. – continua Gaballo – La possibile conseguenza è di avere equipaggi sulle ambulanze privi di medico. Oppure, per garantire i livelli di assistenza precedenti, si rischia che possano essere dirottate su Areu risorse destinate al personale ospedaliero, che già soffre per piante organiche gravemente insufficienti.”

Rimane, inoltre, come nodo di difficile soluzione, il problema del passaggio dell’attuale personale in convenzione alla dipendenza, che richiederebbe una modifica alla legge nazionale.

“Ci aspettiamo dalla Regione chiarimenti che illustrino nei dettagli il percorso verso la nuova Agenzia regionale dell’emergenza urgenza e il suo futuro funzionamento, che va valutato in tutti i suoi aspetti”, conclude Gaballo
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here