Nel nostro Paese ogni anno più di 175mila persone fanno ricorso al pronto soccorso per fratture di femore (90mila), vertebrali (70mila) e polso (15mila). Un numero che potrebbe essere anche più alto, considerando quelle non diagnosticate. In quasi l’80% dei casi si tratta di donne con oltre 65 anni d’età.

È quanto emerge dal 103esimo congresso nazionale della Società italiana di ortopedia e traumatologia, in corso alla Fiera del Levante di Bari. La frattura del collo del femore – avvertono gli esperti – è caratterizzata da una percentuale di mortalità pari al 5% in fase acuta e del 15-25% entro un anno, con un’incidenza sovrapponibile a quella per ictus e per carcinoma mammario. Inoltre, nel 30% dei casi il paziente avrà una disabilità permanente e una riduzione della capacità di camminare in maniera autonoma.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here