Cabtutela.it
acipocket.it

I continui movimenti, da parte di alcuni pregiudicati del luogo, in un rudere del centro storico del comune di Bitonto non sono passati inosservati ai militari della locale Stazione Carabinieri che, insospettiti, hanno deciso di capire, in realtà, cosa stesse accadendo. La cupa, infatti, collocata in un palazzo in disuso, ubicato in via Arco Pietrogianni, era inaccessibile dall’esterno, in quanto mattoni, calcinacci e rifiuti di vario genere ne ostruivano l’ingresso.

Solo dal tetto era possibile entrare nei locali che, secondo gli investigatori, venivano utilizzati come nascondiglio di armi e droga.

Tale situazione ha convinto i militari della locale Stazione ad intervenire unitamente ai colleghi specializzati dello Squadrone eliportato dei Cacciatori di Puglia, di stanza a Jacotenente (Fg) i quali, dopo un accurato studio della toponomastica cittadina, hanno collaborato con i colleghi della Stazione nell’esecuzione della perquisizione che si è svolta nella serata di sabato. La verifica, pianificata nei minimi dettagli, ha dato i frutti sperati. In una busta, occultata in un vano in muratura sul tetto, è stata ritrovata una pistola cal.9 automatica, marca Colmark, con matricola, unitamente a 40 proiettili; il tutto in ottimo stato di conservazione. A poca distanza bilancini di precisione, materiale per il confezionamento segno che il luogo era stato utilizzato come base logistica per i loschi affari degli spacciatori ancora operanti nel centro storico di Bitonto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui