Cabtutela.it

Il Comune di Bari aderisce alla campagna di sensibilizzazione nazionale Illumina novembre 2018, promossa da Alcase Italia per la lotta contro il cancro del polmone, illuminando di bianco il ponte Adriatico il 24 e il 25 novembre prossimi.

La città di Bari ha aderito all’iniziativa insieme ad altri Comuni tra cui Barletta, Cuneo, Enna, Genova, Parma, Pisa, Pistoia, Reggio Emilia, Rovigo, Savona, Siena, Treviso, Trieste e Venezia.

Il mese di novembre, in tutto il mondo, è il mese dedicato alle iniziative di sensibilizzazione sul cancro al polmone, Lung Cancer Awareness Month. In Italia Alcase, Alliance for Lung Cancer Research and Education, porta avanti dal 2002 la campagna nazionale Illumina novembre promuovendo iniziative di sensibilizzazione in tutta Italia.

Illuminare di bianco, il colore che simboleggia la neoplasia polmonare, o vestire di nastri, fiocchi o palloncini bianchi, è un modo per attirare l’attenzione dei cittadini sul cancro al polmone, perché se ne parli in modo positivo e ragionevolmente ottimista.

L’appuntamento annuale ha infatti lo scopo di catturare l’attenzione dell’opinione pubblica verso una patologia che rimane ancora oggi ancorata al “marchio negativo del fumatore” e a quello,altrettanto negativo, “dell’incurabilità”. Ma che invece, grazie ai recenti progressi della biologia molecolare e dell’immunoterapia, vede ogni giorno aumentare le prospettive di guarigione o di controllo prolungato della malattia.

Negli ultimi anni, infatti, grazie ai nuovi farmaci ad azione mirata e agli immunoterapici (la classe di farmaci per cui è stato recentemente assegnato il premio Nobel per la Medicina), si sono aperti nuovi, promettenti scenari di cura e di stabilizzazione della malattia. Spesso, anche i malati non più operabili possono godere di una buona e prolungata qualità di vita convivendo per anni con un cancro ormai “cronicizzato”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui