Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Si terranno nella giornata di mercoledì 23 gennaio 2019 gli appuntamenti che rientrano nel programma di celebrazione dell’81esimo anniversario della scoperta delle grotte di Castellana, complesso carsico che si conferma anche dopo il 2018 tra i principali attrattori turistici della Puglia.

La Grotte di Castellana srl, con il patrocinio del Comune di Castellana Grotte, infatti, ha organizzato un duplice evento per festeggiare l’importante ricorrenza, per tracciare il bilancio dell’attività 2018 (anno dei festeggiamenti per l’80esimo anniversario, aperto a gennaio scorso dalla visita del Presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella) e per definire le linee guida dell’annualità 2019.

La giornata di mercoledì 23 gennaio si aprirà alle ore 11 nella Grave delle grotte di Castellana con la Santa Messa officiata dal Vescovo della Diocesi Conversano-Monopoli, S.E. Mons. Giuseppe Favale. Come da tradizione, parteciperanno le istituzioni e le autorità regionali e locali ed una rappresentanza delle scolaresche di Castellana Grotte.

A seguire discesa celebrativa dalla bocca della Grave, a cura del Gruppo Puglia Grotte, per rivivere a 81 anni di distanza l’impresa esplorativa del prof. Franco Anelli nella mattinata del 23 gennaio 1938.

Nella serata di mercoledì 23 gennaio, invece, alle ore 18 nella Sala delle Cerimonie del Comune di Castellana Grotte, si terrà la conferenza pubblica con gli interventi delle istituzioni e del Consiglio d’Amministrazione della Grotte di Castellana srl. Parteciperanno il sindaco di Castellana Grotte Francesco De Ruvo, l’assessore al Turismo del Comune di Castellana Grotte Giovanni Filomeno e il Consiglio d’Amministrazione della Grotte di Castellana srl (presidente Victor Casulli, vice presidente Francesco Manghisi, consigliera Maria Lacasella).


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui