Gli studenti del Liceo artistico De Nittis Pascali hanno elaborato quattro progetti di ricerca storica e evoluzione urbanistica a pochi giorni dall’avvio del cantiere da circa 30 milioni di euro per trasformare l’ex caserma Rossani.

“Più aree verdi e necessità di luoghi per la socializzazione”. Le conclusioni dei ragazzi di terzo e quarto superiore del progetto di alternanza scuola-lavoro “La rigenerazione creativa dei luoghi dell’abbandono”, con le interviste ai residenti del quartiere Carrassi, sostengono la linea “verde” del progetto di restyling annunciato dal Comune. Grazie ai fondi del “Patto per Bari” al posto delle macerie, oltre al parco (1 milione), sono previsti 10 milioni per realizzare il polo bibliotecario regionale, 17 milioni per l’insediamento dell’Accademia delle Belle Arti, altri 2 milioni per casa della cittadinanza (nuovo servizio di welfare cittadino).

“Siamo all’inizio di una grande trasformazione, ne discutiamo con la cittadinanza attraverso un percorso di partecipazione”, spiega l’assessore Carla Tedesco. Alla presentazione nell’Urban Center era presente anche la preside dell’Istituto prof. Irma D’Ambrosio, i docenti Antonella Fano e Vito Signorile.

 

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

1 COMMENTO

  1. Probabilmente a questi ragazzi sfugge il conto economico di questa trasformazione. Non solo il milione di euro stanziato per la trasformazione ma soprattutto i costi di gestione che, come ad esempio per Parco 2 giugno sono altissimi. Occorrono squadre di giardinieri, illuminazione, vigilanza, pulizia, manutenzione generale, gestione dei bagni pubblici etc etc
    Fare disegnini sulla carta è ffin troppo facile. In realtà il green è una industria, molto costosa e gli insegnanti hanno il dovere di spiegarlo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here