«Torno a prendere carta e penna perché non posso accettare che sui giornali venga pubblicata una pubblicità in cui il Nord viene accusato di voler uccidere la sanità del Mezzogiorno e perché dunque, nel dibattito sul tema dell’autonomia differenziata, continuo a cogliere l’addensarsi di bugie, falsità, distorsioni più o meno in buona fede, fraintendimenti». Lo afferma il presidente del Veneto, Luca Zaia, in una nuova «Lettera ai cittadini del Sud» in cui difende la richiesta di autonomia differenziata, in particolare sui temi della sanità.

Premettendo che «se il Mezzogiorno ha così tante cose che non vanno e questioni irrisolte non è colpa dell’autonomia richiesta da tre regioni», Zaia chiede ai cittadini del Sud di «stare in guardia. Perché vi continuano a descrivere l’autonomia richiesta dal Veneto (ma non solo, anche dell’Emilia-Romagna e dalla Lombardia) come la secessione dei ricchi, la definitiva frantumazione di una Repubblica unita e solidale, l’impoverimento senza alternative del Mezzogiorno e del suo sistema socio-sanitario. Quando sappiamo tutti che autonomia significa assunzione di responsabilità: e che piuttosto che recriminare sull’autonomia richiesta dalla mia regione, sarebbe bene che tutte le regioni – anche quella del Sud – avessero la ‘lorò autonomia».

Zaia critica in particolare la campagna pubblicitaria dell’Ordine dei medici della Puglia, vedendo il quale «sono rimasto basito perché si sta raccontando una grande menzogna. Vedo che il Ministro Grillo condivide questa linea. Mi limito ad alcune semplici constatazioni. In Veneto c’è un servizio sanitario pubblico in virtù del quale chi è malato viene curato e assistito bene. E non soltanto se è veneto: qui si curano bene tutti. Voi trovate normale che una regione veda i propri cittadini andare a curarsi al Nord e da Sud si accusi il Nord che li sta curando? Non sarebbe bene guardare un pò di più all’interno della proprie strutture sanitarie?», chiede tra l’altro. Zaia precisa inoltre che in Veneto la sanità privata è «marginale, non più del 12%», «si fanno i salti mortali per garantire un servizio pubblico più esteso possibile, così come ci è chiesto dai cittadini» e il Veneto è «la regione italiana che spende meno per il personale: 22 euro per abitante contro la media nazionale di 35 euro. Una regione che ha 58 dipendenti ogni mille abitanti quando la media italiana è di 70 e la sola Basilicata ne ha 228. In queste condizioni, sono certo che il Veneto continuerà a fare bene anche con l’autonomia. Così come in certe realtà del Sud le cose non cambierebbero anche senza autonomia». Secondo Zaia, infine, «il Nord ha bisogno del Sud. E il Sud ha bisogno che la foresta – in continua e impetuosa crescita – di cittadini perbene e consapevoli cominci a mettere in discussione chi li ha finora trattati da sudditi. Un Sud nuovo serve all’Italia intera, ma soltanto con la responsabilità di chi governa può nascere e svilupparsi. E questa responsabilità si chiama: Autonomia».

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here