La Corte di Assise di Bari ha condannato alla pena dell’ergastolo il 30enne albanese Ogert Laska, imputato per l’omicidio pluriaggravato della 71enne Rosa Maria Radicci, uccisa nella sua villetta a Palese (Bari) il 13 novembre 2016, soffocata con una busta e poi strangolata. I giudici hanno disposto, come pena accessoria, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e la decadenza della potestà genitoriale, condannando il 30enne al risarcimento danni nei confronti delle costituite parti civili, i due figli, la nuora e una nipote della vittima. Alla lettura della sentenza i familiari, difesi dagli avvocati Marilisa Lorusso, Antonio Lattazio e Maria Antonella Spadone, si sono abbracciati e in lacrime hanno applaudito la Corte, mentre l’imputato, in cella, è rimasto immobile e in silenzio. (fonte Ansa)

(in foto l’imputato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here