Cabtutela.it
acipocket.it

L’obbligo vaccinale ha riportato la Puglia ad una copertura quasi ottimale. Infatti, analizzando i dati nella prima infanzia si rileva che nella coorte dei nati 2015 (bambini con meno di 36 mesi di vita al 31/12/2018), per Difterite-Tetano-Pertosse e Poliomielite, la copertura è passata dal 94,4% (al 31/12/2017) al 96,3% (al 31/12/2018), registrando un incremento del +1,9%; per Epatite B, la copertura è passata dal 94,3% (al 31/12/2017) al 96,3% (al 31/12/2018), registrando un incremento del +2%; per Haemophilus influenzae di tipo b si è passati dal 94,2% (al 31/12/2017) al 95,8% (al 31/12/2018), attestando un aumento dell’1,6%. Per la prima dose di Morbillo-Parotite-Rosolia, l’incremento registrato è pari al +4,9%: si passa, infatti, dal 91,1% (al 31/12/2017) al 96,0% (al 31/12/2018); per la prima dose di varicella, infine, la coperture pari al valore di 88,8% (al 31/12/2017) è passata al 93,7% (al 31/12/2018) attestando un +4,9%.

Nella coorte 2014 (bambini entro i 48 mesi di vita per i quali è disponibile il confronto con la copertura al 31/12/2016), dall’entrata in vigore dell’obbligo, si è registrato un incremento del +3% della copertura per esavalente, oggi decisamente superiore al 95%. Nello specifico: per Difterite-Tetano-Pertosse e Poliomielite si è passati dal 93,3% del 2016 al 95,6% del 2017, fino al 96,4% al 31/12/2018, registrando un aumento del +3,1%.

Per Epatite B: dal 93,3% del 2016 si passa al 95,4% del 2017 fino al 96,3% del 2018, con un +3%. Per Haemophilus influenzae di tipo b, dal 93,3% del 2016, il valore della copertura si attesta sul 95,3% nel 2017 e poi sul 96,0 % nel 2018: qui l’incremento è del +2,7%. Per anti Morbillo-Parotite-Rosolia si va dall’85,9% del 2016 al 93% del 2017 fino al 95,8% del 2018 registrando un aumento pari al +9,9%. Stesso incremento per la prima dose di monovalente Varicella, per la quale si passa dall’82,4% del 2016 al 90,5% del 2017 fino al 92,3% del 2018 (+9,9%).

Nella coorte 2010 (bambini di 8 anni), il tasso di richiamo anti-Difterite, Tetano, Pertosse e Poliomielite ha raggiunto il 93,6% (+2,4% dal 31/12/2017); quello per la seconda dose di MPR tocca il 93,4% (dall’89,6 % al 31/12/2017, +3,8%); quello per la seconda dose di Varicella ha raggiunto il 90,1% (dall’85,5% al 31/12/2017, +4,6%).

“Quando proposi la legge per l’obbligo vaccinale – commenta Fabiano Amati, consigliere regionale del Pd – fui assalito da numerose contestazioni, anche da parte di alcuni colleghi consiglieri. Poi venne la legge nazionale sull’obbligo, i cui risultati in Puglia portano ottime notizie. Sono infatti i numeri del 2018 ad attestare il valore di salute e prevenzione della pratica vaccinale, facendoci risalire dal Medioevo in cui stavano rischiando di cacciarci. Grazie agli straordinari operatori dei servizi di igiene e prevenzione delle Asl e ai medici-pediatri, igienisti e immunologi, per il loro lavoro e le campagne di educazione e indignazione”.

Tra gli adolescenti della coorte 2002, l’incremento della CV per il secondo richiamo dTap -IPV ha superato il +10%: per Difterite-Tetano-Pertosse, dal 62,2% al 31/12/2017 il tasso ha toccato il 72,5% al 31/12/2018 (+10,3%); per anti Poliomielite, dal 57% al 31/12/2017 si passa al 72,5% al 31/12/2018: qui l’incremento raggiunge addirittura un +15,5%. Per MPR l’aumento sfiora il 6%: si va dall’85% al 31/12/2017 al 90,8% al 31/12/2018.

“Il confronto dei dati di rilevazioni, ripetute su alcune coorti di nascita, ha permesso – spiega ancora l’esponente Pd – di valutare gli effetti positivi dell’obbligatorietà vaccinale sancita dalla legge, divenuta presidio di tutela della sanità pubblica. I dati sono la conferma che in materia di prevenzione vaccinale, il rigore scientifico, il buon senso, la lungimiranza e la fiducia nel patrimonio medico, umano e culturale – da noi appoggiati e sostenuti con ogni mezzo, contro le forme moderne di credulità – hanno decretato il risultato sperato, un risultato che dovremo impegnarci a portare sempre più in alto”, conclude Amati.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui