Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Il gip del tribunale ordinario di Taranto Rita Romano ha disposto la custodia cautelare in carcere dei due maggiorenni coinvolti nell’inchiesta sulle violenze e i soprusi ai danni del 66enne di Manduria, Cosimo Antonio Stano, morto il 23 aprile nell’ospedale cittadino, e non ha concesso i domiciliari evidenziando che le famiglie dei due ragazzi «hanno dato prova di incapacità a controllare ed educare i due giovani».

Le accuse nei confronti del 19enne e del 22enne e di altri sei minorenni, trasferiti questi ultimi in una struttura di detenzione di Bari, sono di tortura, sequestro di persona, danneggiamento e violazione di domicilio, tutti reati aggravati, in particolare dalle lesioni riscontrate sul corpo della vittima. I giovani sono indagati anche per omicidio preterintenzionale.

Sarà l’esito degli esami autoptici a stabilire una eventuale connessione tra la morte e le lesioni riportate da Stano durante le aggressioni del branco degli “Orfanelli” come si definivano in una chat di whatsapp. Oltre agli otto fermati ci sono altri sei indagati a piede libero.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. E magari il Giudice avrebbe dovuto occuparsi anche della inqualificabile diffusione in tv e sui social del video delle aggressioni, diffusa senza motivo logico addirittura dalla stessa Polizia.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui