Cabtutela.it
acipocket.it

“Robe da pazzi”. Inizia così Flavio Briatore  su Instagram il suo post contro la Puglia. A Gallipoli è stato negato l’attracco al porto di un mega yacht. “Come mandare via le barche con importanti turisti a bordo – denuncia Briatore –  questo è successo a Gallipoli. Il comandante di uno Yacht di 60 metri con 12 persone facoltose ha chiesto tramite la propria Agenzia Marittima alla Capitaneria l’accesso in porto con il tender per approvigionamenti come succede in tutti i porti del mondo e di Italia, tranne  a Gallipoli che rifiuta l’approdo del tender, intimando l’entrata dello yacht in banchina, creando un disservizio agli ospiti che hanno preso così la decisione di non permanere più a Gallipoli per 2 giorni ma procedendo per Otranto dove il tender ha avuto accesso al porto e gli ospiti sono rimasti due giorni godendosi l’ospitalità di Otranto. A Gallipoli vige il movimento del non fare”.

La Capitaneria di porto di Gallipoli in una nota chiarisce: “L’unità navale in questione, yacht commerciale battente bandiera Cayman Island, aveva richiesto, per il tramite di una locale Agenzia Marittima, di poter ormeggiare con i propri tender presso una delle darsene pescherecci di Gallipoli. Per tale tipologia di unità navale e per i mezzi alla stessa asserviti, si applica la normativa internazionale discendente dal Codice ISPS (International Ship and Port Facilities Security Code). Pertanto nel rispetto della citata normativa, era stata comunicata dalla agenzia marittima la necessità di effettuare le operazioni nell’ambito del porto commerciale della città, unica struttura dotata di un Piano e di un livello di Sicurezza idoneo per l’effettuazione di accosti con unità di tale tipologia. A seguito di ciò il Comando di bordo dello Yacht optava per proseguire la propria navigazione verso Otranto ed ormeggiare nella banchina commerciale del porto”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui