Cabtutela.it
acipocket.it

Continua su tutti i fronti la lotta contro il degrado e l’abbandono di rifiuti portata avanti dalla Polizia Locale di Bari.
Se per un verso l’azione repressiva interessa le periferie e le campagne, colpite dal fenomeno dei roghi, per l’altro si insiste sui sempre più attivi “svuotacantine”, individui che per pochi euro accettano di sgomberare appartamenti o locali provvedendo al contempo ad “arredare” le strade cittadine con masserizie di ogni tipo.

Durante una regolare perlustrazione del territorio è stato notato un individuo impegnato a scaricare da un’autovettura mobilio di ogni genere per poi accatastarlo sul marciapiede, nei pressi del Policlinico.
L’uomo, colto in flagranza, è stato scoperto insieme ad un altro soggetto che, incurante della presenza degli agenti, continuava a svuotare il veicolo.
I due non hanno potuto che ammettere le proprie responsabilità, riferendo di essere impegnati nello sgombero di un appartamento. Gli uomini della Polizia Locale hanno quindi richiesto di essere accompagnati presso l’abitazione da cui proveniva l’arredo accatastato in strada.
Giunti all’interno dei locali hanno sorpreso altri due soggetti intenti a smontare mobili da trasferire ai “soci” sulla pubblica via.
A seguito degli accertamenti effettuati in loco, con il supporto della sala operativa del Corpo, si è appreso che tre dei quattro individui avevano precedenti penali ed erano sottoposti a vario titolo a misure di sicurezza, l’autovettura risultava inoltre sprovvista di assicurazione.
Nel contempo è stato contattato il proprietario dell’immobile che, ignaro delle modalità impiegate per il lavoro commissionato, si è adoperato per la rimozione delle masserizie facendo giungere sul posto un’altra ditta.
Ai quattro sono stati contestati diversi verbali per violazione delle ordinanze comunali in materia di corretto smaltimento dei rifiuti mentre l’autovettura è stata sottoposta a sequestro ai sensi dell’art. 193 c.d.s..
Dei fatti accaduti è stata informata l’Autorità giudiziaria per l’eventuale aggravamento delle misure di sicurezza già disposte in precedenza.
“La lotta ai rifiuti –   commenta il comandante Michele Palumbo – non conosce quartieri e orari, per questo siamo alla continua ricerca di nuove strategie vincenti come quella di colpire in orari insoliti, quando i trasgressori credono di poterla fare franca. Verrà garantita la presenza di pattuglie in abiti civili per contrastare l’abbandono di rifiuti ingombranti che, come evidenziato anche da media e social, non possiamo permettere si trasformino in cartolina della nostra magnifica Città e in souvenir per gli amici turisti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui