aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

«Non sto seguendo bene quello che succede nel tavolo del centrosinistra. So solo che il centrodestra tra breve come penso sia inevitabile, candiderà Raffaele Fitto, che è una candidatura seria, che ha la sua importanza e il suo profilo. Quindi se il centrosinistra vuole continuare a prendere tempo lo faccia, però sappia che dall’altra parte non ci faranno regali. Io volevo le primarie un po’ prima, se dobbiamo farle facciamole presto, non perdiamo altro tempo. L’importante è che non le facciamo dopo le elezioni per vedere come sarebbero andate se le avessimo fatte. Altrimenti il centrosinistra si avvierà verso il suicidio e io non so se questa volta riesco da solo ad impedirlo».

Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, parlando con i giornalisti della riunione del tavolo del centrosinistra che nel pomeriggio torna a riunirsi per discutere delle primarie per le prossime elezioni regionali. «Non accadrà come a Bari dove il centrodestra è arrivato in maniera rocambolesca, molto impreparato, e quindi forse qualcuno ha avuto l’impressione che giocassimo da soli – ha detto ancora – Alla Regione Puglia non ci faranno questa cortesia, metteranno in campo il loro candidato che appunto è Fitto, e naturalmente io penso che tutta la Puglia che non vuole il ritorno a 15 anni fa debba collaborare e quindi spero che il tavolo del centrosinistra torni tra noi, nella vita quotidiana, e ci aiuti a coinvolgere la gente nella prossima campagna elettorale che, bisogna avvisarli, è già cominciata.

«Tutte le candidature vanno bene – ha detto ancora Emiliano a proposito dei possibili altri candidati per le primarie – ma il mio problema è la candidatura di Fitto che è una candidatura molto forte. Il centrodestra vuole vincere le elezioni regionali, non vuole partecipare come è avvenuto forse nelle ultime occasioni». «Adesso andrà unito e – ha detto ancora – non sarà facile batterlo perchè dal punto di vista politico, e questo il tavolo del centrosinistra se lo deve ricordare, la coalizione arriva in Puglia a stento al 26-27%: è un numero che da solo non serve a vincere le elezioni, bisogna fare molto di più, bisogna essere molto uniti e compatti». «Vorrei che tutti quelli che non vogliono il ritorno del passato – ha proseguito – si spaventassero da oggi, perché la destra non sta scherzando. Il fatto che io in questi anni abbia sempre trovato qualche soluzione per dare una mano, non significa che la troveremo sempre in automatico. Può essere che questa questa volta sia io ad avere bisogno del centrosinistra e non il contrario». «Spero che questo mio appello all’unità – ha concluso – sia accolto in fretta anche perchè si voterà ad aprile, forse i primi di maggio, quindi siamo in campagna elettorale, tutti hanno le liste pronte e il tavolo del centrosinistra discute addirittura sui tempi delle primarie…».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui