Cabtutela.it

In merito ai buoni per l’acquisto dei libri di testo scolastici, l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano rende noto che da ieri le scuole possono ritirare le cedole librarie e trasferirle alle famiglie aventi diritto, che a loro volta potranno comprare i libri direttamente in libreria. Nel complesso i buoni libro in distribuzione sono 3.125. A seguito dell’ulteriore avviso indetto dalla Regione Puglia, cui potranno accedere coloro i quali non hanno partecipato tempestivamente, il numero di fruitori potrà aumentare.

Da questo anno scolastico, come noto, gli alunni delle scuole secondarie di I e II grado che siano residenti a Bari e abbiano un ISEE familiare inferiore a 10.632,94 euro, possono utilizzare i voucher distribuiti dalle scuole di appartenenza per l’acquisto dei libri di testo, anziché disporre di libri in comodato d’uso.

“Come promesso, grazie a un lavoro di rete condiviso dall’assessorato alle Politiche educative e giovanili, dalla Regione, dai dirigenti delle scuole secondarie di I e II grado e dalle librerie della città, nei prossimi giorni gli alunni potranno disporre dei testi, diventandone proprietari a tutti gli effetti, e non ricevendoli in prestito come accadeva sino all’anno scorso – commenta Paola Romano -. Ringrazio la Regione Puglia che, aumentando il budget a disposizione fino a 617mila euro, ci ha consentito di optare per l’introduzione dei buoni libro, che coprono quasi la totalità della spesa libri che le famiglie devono sopportare”.

L’importo dei singoli buoni libro è definito da una tabella ministeriale e varia a seconda della classe – gli alunni delle prime classi usufruiscono di una quota maggiore – e dell’indirizzo dell’istituto scolastico. Per usufruire del beneficio, le famiglie che non abbiano ancora fatto domanda possono accedere alla piattaforma regionale https://www.studioinpuglia.regione.puglia.it/libri-di-testo-2019-2020/ entro le ore 14 del 23 ottobre.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui