La denuncia è di Arcigay Bari e dell’associazione Mixed lgbti. Riguarda un locale che organizza feste “lgbt friendly” e che è stato costretto a sospendere gli eventi a causa delle recensioni negative. “Recensioni – si legge nel post su Facebook – non sul servizio, non sulla musica. Ma sulle persone che frequentano la serata: ci spaventa che molta gente associ a gay, lesbiche, bisessuali e transessuali le malattie sessualmente trasmissibili, che invece – purtroppo – non discriminano e possono riguardare tutti. Ci spaventa un linguaggio escludente, che parla di infezioni, trasmette paura e trasuda ignoranza su un argomento che invece richiede grande informazione e consapevolezza. Non ci piace nemmeno la pubblica gogna sulle scelte personali e professionali di alcune soggettività trans, che meritano rispetto anche quando sex workers.  Saremo ingenui – conclude il post –  ma sogniamo una città in cui le recensioni di un locale abbiano a che fare con il locale e non diventino il veicolo di pregiudizi e diffamazione”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

1 COMMENTO

  1. […] Nella località di Bari si trova un locale, che ogni tanto organizza feste “lgbt friendly”. Queste feste hanno però riscosso molti commenti negativi, da parte di persone che si lamentavano di chi frequentava le feste.Il locale ha quindi dovuto sospendere questi eventi proprio a causa delle recensioni negative.Arcigay Bari e l’associazione Mixed lgbti hanno denunciato l’accaduto.In un post su Facebook si legge:” Recensioni non sul servizio, non sulla musica. Ma sulle persone che frequentano la serata: ci spaventa che molta gente associ a gay, lesbiche, bisessuali e transessuali le malattie sessualmente trasmissibili, che invece – purtroppo – non discriminano e possono riguardare tutti. Ci spaventa un linguaggio escludente, che parla di infezioni, trasmette paura e trasuda ignoranza su un argomento che invece richiede grande informazione e consapevolezza. Non ci piace nemmeno la pubblica gogna sulle scelte personali e professionali di alcune soggettività trans, che meritano rispetto anche quando sex workers.  Saremo ingenui – conclude il post –  ma sogniamo una città in cui le recensioni di un locale abbiano a che fare con il locale e non diventino il veicolo di pregiudizi e diffamazione.”Tra i commenti negativi, si percepisce l’ignoranza e la discriminazione di persone che probabilmente non sanno neanche di cosa stanno parlando.“Organizzano gli hot party? Giusto per capire in quanto mi schifa un po’ andare in un posto dove c’è gente con malattie veneree.”FONTE: https://www.borderline24.com/2019/11/04/bari-un-locale-feste-lgbt-friendly-fioccano-recensioni-comme… […]

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here