Lavori rumorosi, tra escavatori e altri macchinari al lavoro dalle 23 alle 4 del mattino. Ogni notte circa 300 famiglie residenti in via Capruzzi e nelle strade vicine sopportano malvolentieri il cantiere per il restyling della stazione centrale di Bari. Un cittadino che risiede in vico Capurso (piccola traversa di via Amendola in prossimità dell’extramurale Capruzzi) ha così deciso di pubblicare una lettera sulla pagina social del sindaco Antonio Decaro.

“Mi rendo conto dell’importanza di questi lavori – scrive – ma mi chiedo come sia stato possibile autorizzare l’esecuzione di tali lavori, in quegli orari, in una zona residenziale ad altissima densità come la nostra, letteralmente a ridosso di tre quartieri”.

L’esperienza diretta è raccontata in prima persona, anche attraverso un video da chi vive da “settimane che a me, come a tutti i condomini del condominio “Il parco” sito in vico capurso 1/9, viene letteralmente negato il sonno per via di questi lavori. Con questa autorizzazione ai lavori l’amministrazione comunale ha mostrato un totale disinteresse al benessere dei cittadini, senza considerare la totale apatia e assenza della polizia locale, ripetutamente contattata da svariati condomini e sempre disinteressata”.

Nella lettera, il residente parla de tema della salvaguardare per salute dei cittadini: “Si sarebbero dovute prendere in considerazione delle alternative allo svolgimento dei lavori durante le ore notturne. È diventato davvero insostenibile. Le vie legali sono lente e mai vorremmo intraprenderle, ma considerata la latitanza delle istituzioni che più volte invano sono state chiamare a rispondere, stiamo attrezzandoci affinché i responsabili del disagio altrui capiscano cosa voglia dire non avere il coltello dalla parte del manico, a meno di un suo intervento risolutivo. Siamo 300 famiglie con diversi bimbi che subiscono per ogni notte abusi a discapito del diritto alla salute ed al sonno”.

Salve Sindaco, sperando di poter "catturare" la sua attenzione, almeno tramite social, le scrivo in merito alla problematica che noi residenti di Vico Capurso (piccola traversa di via Amendola in prossimità dell’extramurale Capruzzi) stiamo subendo.Da qualche settimana, ormai, sono cominciati i lavori sulle linee delle ferrovie sud-est e mi riferisco in particolare ai lavori messi in opera orientativamente dalle ore 23 alle 3, 4 del mattino, presso la stazione situata su via Capruzzi.Mi rendo conto dell'importanza di questi lavori ma mi chiedo come sia stato possibile autorizzare l'esecuzione di tali lavori, in quegli orari, in una zona residenziale ad altissima densità come la nostra, letteralmente a ridosso di tre quartieri.Sono settimane che a me, come a tutti i condomini del condominio IL PARCO (sito in vico capurso 1/9), viene letteralmente negato il sonno per via di questi lavori (parliamo di 300 unità abitative).Con questa autorizzazione ai lavori l'amministrazione comunale ha mostrato un totale disinteresse al benessere dei cittadini, senza considerare la totale apatia e assenza della polizia locale, ripetutamente contattata da svariati codomini e sempre disinteressata (mai un intervento).Per salvaguardare la salute dei cittadini e assicurare ai pendolari la continuatività del servizio di Ferrovie, si sarebbero dovute prendere in considerazione delle alternative allo svolgimento dei lavori durante le ore NOTTURNE. È diventato davvero insostenibile! Le vie legali sono lente e mai vorremmo intraprenderle, ma considerata la latitanza delle istituzioni che più volte invano sono state chiamare a rispondere, stiamo attrezzandoci affinchè i responsabili del disagio altrui capiscano cosa voglia dire non "avere il coltello dalla parte del manico", a meno di un suo intervento risolutivo.Siamo 300 famiglie con diversi bimbi che subiscono per ogni notte abusi a discapito del diritto alla salute ed al sonno.Sono le ore 2:41 e anche stanotte non si dormirà.Grazie della sua attenzione.

Pubblicato da Dario Bonadies su Giovedì 21 novembre 2019

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here