Cabtutela.it

Una Panchina rossa come segno tangibile dell’impegno nel contrasto alla violenza contro le donne. Verrà installata lunedì 25 novembre, Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, all’ingresso della Camera di commercio di Bari. L’ente barese, attraverso il proprio Comitato per l’Imprenditoria Femminile, ha difatti aderito al progetto “Panchine rosse”,  promosso dal movimento Stati generali delle donne, e condiviso da Unioncamere nazionale.

“Abbiamo accolto con grande piacere l’invito pervenuto da Unioncamere – afferma Raffaella Altamura, presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Bari – finalizzato alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro ogni tipo di violenza di genere, in un luogo istituzionalmente importante, quale la CCIAA di Bari. Coglieremo l’occasione per presentare, il lavoro che incessantemente il Comitato Imprenditoria Femminile svolge per promuovere la cultura imprenditoriale nel mondo femminile attraverso le progettualità che ogni anno mette in campo. Riteniamo – ed in questa occasione è ancor più importante farlo -che alla violenza bisogna opporsi sempre; che dalla violenza, qualsiasi forma essa abbia, è necessario allontanarsi, e lo si può fare anche intraprendendo percorsi di lavoro che ci aiutano ad essere autonome, economicamente innanzitutto e psicologicamente di conseguenza”.

Per l’occasione, alle 10,30 nella Sala Azzurra dell’Ente, si terrà un incontro di approfondimento sul tema della condizione femminile nell’ambito del mercato del lavoro e della creazione di impresa; durante l’incontro il Comitato Imprenditoria Femminile presenterà le iniziative programmate nei prossimi mesi. In particolare: 

Interverranno:

Alessandro Ambrosi (presidente CCIAA);

Raffaella Altamura (presidente CIF);

Paola Romano  (Assessore Comune Bari)

Carla Palone (Assessore Comune Bari)

Francesca Bottalico (Assessore Comune Bari) .

I dati sulle imprese femminili

Il milione e 340mila imprese femminili, censito dalle Camere di commercio, pari a poco meno del 22% del totale delle aziende italiane, rappresentano una risorsa straordinaria per il nostro Paese, sia perché attraverso di esse le loro fondatrici hanno raggiunto l’indipendenza economica, sia per l’importante ricaduta a livello occupazionale. Con oltre 3 milioni di addetti totali, infatti, alle imprese femminili si deve più del 14% dell’occupazione complessiva del settore privato.

In Puglia il tasso di femminilizzazione imprenditoriale è del 23,05%. Su 381.088 imprese totali, 87.832 sono imprese femminili, con 183.676 addetti.

Regione Imprese

totali

Imprese femminili Tasso di femminilizzazione Addetti delle imprese femminili
ABRUZZO 148.921 38.572 25,90% 78.331
BASILICATA 60.327 16.031 26,57% 26.641
CALABRIA 187.330 44.234 23,61% 77.166
CAMPANIA 595.239 136.454 22,92% 258.811
EMILIA ROMAGNA 453.296 94.084 20,76% 265.555
FRIULI-VENEZIA GIULIA 102.224 22.980 22,48% 57.563
LAZIO 661.794 146.274 22,10% 333.659
LIGURIA 162.875 36.142 22,19% 78.992
LOMBARDIA 961.683 180.260 18,74% 499.801
MARCHE 168.985 38.930 23,04% 95.930
MOLISE 35.558 9.847 27,69% 16.946
PIEMONTE 429.449 96.820 22,55% 220.579
PUGLIA 381.088 87.832 23,05% 183.676
SARDEGNA 169.905 38.836 22,86% 81.170
SICILIA 467.447 114.216 24,43% 206.055
TOSCANA 413.733 95.556 23,10% 239.567
TRENTINO – ALTO ADIGE 110.091 19.760 17,95% 53.682
UMBRIA 94.175 23.390 24,84% 53.345
VALLE D’AOSTA 12.388 2.943 23,76% 7.327
VENETO 484.714 97.419 20,10% 259.769
Totale 6.101.222 1.340.580 21,97% 3.094.565

Fonte: Osservatorio Imprenditoria Femminile di Unioncamere – InfoCamere

Foto flickr


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui