L’IRCCS Saverio de Bellis di Castellana Grotte ha messo a punto una metodica innovativa per conservare a lungo termine pezzi anatomici di particolare interesse clinico e di ricerca.
L’importanza dell’invenzione è stata riconosciuta dall’Ufficio italiano Brevetti e Marchi che ha concesso un brevetto all’Istituto sulla base del nuovo sistema messo a punto da Raffaele Armentano, ricercatore medico in forze nell’Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica del De Bellis.
La tecnica consente di preservare a costi contenuti pezzi anatomici da utilizzare a seconda delle esigenze dell’attività clinico- diagnostica e/o di ricerca.
La procedura – ampiamente utilizzata per l’esame e la conservazione dei tessuti di derivazione umana o animale – consiste nell’inglobare frammenti di tessuti nella paraffina previo processo di disidratazione, totalmente reversibile, che permette una conservazione (in teoria) illimitata nel tempo (fino a 20 anni nell’esperienza dei laboratori dell’IRCCS) e soprattutto con un risparmio di spazi e difficoltà di stoccaggio che esclude il rischio di deterioramento per l’oscillazione della temperatura. Tutto ciò permette di disporre in ogni momento di materiale anatomico integro da utilizzare per scopi iconografico, didattico, di studio.
“Il prestigioso riconoscimento – spiega Gianluigi Giannelli, direttore scientifico dell’Istituto – consente di guadagnare spazio e risorse economiche che garantiscono la qualità del materiale biologico e consentono all’Istituto, più in generale, di pianificare nuove strategie di mercato in sinergia con le imprese per diffondere ad ampio raggio questa tecnologia innovativa. L’intento è migliorare l’attività dei laboratori clinici e di ricerca al fine di essere sempre più competitivi e all’avanguardia nelle pratiche orientate alla promozione scientifica, elemento cardine della missione del nostro IRCCS”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here