Cabtutela.it
acipocket.it

“Un’opera in sintonia con la cultura architettonica contemporanea e in particolare con il linguaggio high tech”. La sede del nuovo Consiglio regionale della Puglia sorprende, convince e merita un ampio articolo dell’architetto e docente Mario Pisani, con testi in tre lingue, foto a colori e planimetrie, sulla principale rivista europea di architettura, design e comunicazione visiva, il bimestrale “L’Arca International”, edito nel Principato di Monaco (n. 151, novembre-dicembre 2019).
Il complesso di via Gentile a Bari è l’unico a rappresentare l’Italia nel fascicolo, accanto a realizzazioni-modello in Svizzera, Olanda, Francia e Germania.
Dopo aver ricordato che lo Studio Valle ha firmato tra gli altri complessi come il centro direzionale Alitalia e il palazzo UE a Bruxelles, l’architetto Pisani sottolinea la validità del progetto, “idoneo a rendere immateriali grandi volumetrie”, grazie al raggio di curvatura della pur intensa “immagine architettonica”, che non consente di cogliere l’intera volumetria e la rende sempre parzialmente sfuggente, legandola allo stesso tempo strettamente al contesto in cui si inserisce. Efficace l’accostamento di materiali tradizionali – i rivestimenti murari in pietra di Trani, Lecce e Apricena – a soluzioni che “rispecchiano i dettami della bioarchitettura”. La copertura trasparente dell’agorà è realizzata in etfe-texlon, leggerissimo, non inquinante, ad elevata coibenza termica e capace di evaporare in caso d’incendio, minimizzando il collasso strutturale.
Gli ambienti destinati ad attività espositive e conferenze, insieme agli spazi pubblici per la cultura e l’informazione, caratterizzano il “palazzo” come struttura aperta e integrata.
All’occhio dell’esperto non sfugge il giardino intorno, che “rinvia ad un luogo di quiete, al buen retiro, al silenzio della meditazione e alla bellezza del guardare”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui