Cabtutela.it

Il Natale dei baresi e dei pugliesi sarà caratterizzato dalle tradizionali tavolate, dai regali sotto l’albero e dalle iniziative per i più piccoli.

I regali. Per il Natale 2019 ogni italiano ha speso in media 322 euro (poco meno dei 330 euro del 2018 e dei 345 euro del 2017) per i regali da mettere sotto l’albero. Lo rivela l’analisi sugli acquisti natalizi dell’Osservatorio Compass (gruppo Mediobanca): un compratore su tre ha deciso di spendere il proprio budget interamente online e l’83% degli intervistati citano i cellulari come prodotti tecnologici più ambiti. Abbigliamento, calzature e accessori preziosi restano i regali preferiti al secondo posto della top 5 ci sono i libri e le riviste, poi cura per la persona, giochi per bambini e bontà alimentali. Quasi la metà degli italiani ha speso fino a 250 euro per i regali, ma un 26% ha sborsato fino al doppio, un 9% fino a 750 euro, un 4% fino a mille e il 2% di più. Il 58% delle famiglie italiane ha speso come l’anno scorso, qualcuno (18%) ha aumentato.

Le iniziative natalizie. Tutti i comuni pugliesi si sono preparati per accogliere soprattutto nel pomeriggio, dopo il tradizionale pranzo, i più piccoli nelle piazze. Tra luci e iniziative c’è l’imbarazzo della scelta in tutta la Puglia. A Bari sarà aperto il villaggio di Babbo Natale in piazza Umberto. Dalle 16 alle 21 sarà possibile incontrare Babbo Natale. Previste, tra le attività, anche il trucca bimbi, i giochi e i balli con gli elfi, il film di Natale da vedere tutti insieme “Tom e Jerry e i piccoli aiutanti di Babbo Natale”, il laboratorio creativo del pupazzo di Neve alle 18 e alle 20 le storie e le favole da leggere con l’elfo.

I dolci natalizi. Panettone all’extravergine batte pandoro 3 a 1, ma è boom di dolci storici della tradizione pugliese immancabili sulle tavole per pranzi e cenoni di Natale e Capodanno, con il 42% delle massaie pugliesi ‘intervistate’ che passeranno non meno di 2 ore in cucina per poterli fare in casa. E’ il risultato delle rilevazioni di Coldiretti Puglia nei mercati di Campagna Amica di Brindisi e Foggia, dove i tutor della tradizione enogastromica hanno svelato i segreti dell’impasto perfetto per realizzare i piatti più golosi delle festività natalizie. Dal Gargano al Salento i dolci radicati sul territorio sono tanti dalle cartellate baresi al vin cotto, alla variante salentina con il miele, i purceddhuzzi con miele e mandorle, le ostie di Monte Sant’Angelo, il biscotto cegliese, gli amaretti e le nuvolette di mandorla, le paste secche.

Cartellate.  Sono dei tipici dolci originari della Puglia. ll nome potrebbe derivare da carta, incartellate, cioè sinonimo di incartocciate, secondo la loro tipica forma arabesca. Le cartellate al vincotto, carteddàte in dialetto, sono un tipico dolce pugliese che si prepara per Natale: una ricetta della tradizione che trionfa su tutte le tavole della regione. Un impasto semplice a base di olio, vino bianco e farina a cui dare la forma di rosette: basterà poi friggerle e passarle nel vincotto, prima di servirle. Si tratta di dolcetti firabili e croccanti dalle origini molto antiche: nella tradizione popolare le cartellate simboleggiano le lenzuola di Gesù Bambino. Ipotesi storiche, invece, parlano di dolci che arrivano dall’antico Egitto, dove venivano preparate per i faraoni. Tradizione vuole che le donne di diverse famiglie si incontrino per preparare insieme i dolci delle feste natalizie, mescolando così le varie ricette tradizionali e i segreti che le rendono uniche. Solitamente le cartellate si gustano intrise nel vin cotto, ottenuto dalla uve pugliesi Malvasia e Negramaro, o dai fichi.

Ostie di Monte Sant’Angelo. Dolce tipico del Comune di Monte Sant’Angelo, le ostie piene o “ostia ckiene”, sono un composto altamente calorico, privo di qualsiasi tipo di conservante, con ottime proprietà ricostituenti, date dalle proprietà intrinseche delle mandorle. Da sempre le mandorle hanno un forte valore simbolico di prosperità e benessere. Il Gargano è ricco di alberi di mandorle che resistono su appezzamenti di terreno lasciati incolti da anni, che ammantano di delicati fiori bianchi le prime giornate primaverili. Le ostie piene sono composte da due cialde ovali di ostie, di colore bianco panna. Il ripieno è costituito da mandorle tostate, caramellate con zucchero e miele. Un pizzico di cannella conferisce loro il caratteristico aroma speziato. La legenda narra che questo dolce tipico sia nato per caso durante la preparazione delle ostie sacre, in un convento di monache di Monte Sant’Angelo, il monastero della S. Trinità delle Monache dell’Ordine di S. Chiara.

Biscotto cegliese. Il Biscotto di Ceglie o cegliese è un dolce della della tradizione contadina tipico di Ceglie Messapica, città d’arte e terra di gastronomia della provincia di Brindisi. È un dolce a base di mandorle tostate con ripieno di marmellata che può variare nel gusto: ciliegia, amarena, uva o fichi; si aggiunge una leggera fragranza di limone e caffè ed una copertura di una glassa chiamata gileppo. Altri ingredienti utilizzati per la preparazione sono il miele e le uova. Il biscotto tradizionale fatto in casa ha una forma quadrangolare irregolare ed è grande circa 1,5×1,5 cm, mentre il colore può variare e dipende dalla presenza o meno della glassa a base di cacao la quale dà al biscotto un colore bruno e garantisce la conservazione e la morbidezza interna. La materia prima alla base di questa ricetta è la mandorla locale, frutto dei mandorleti dell’Alto Salento, prodotto tipico pugliese, protagonista della cucina regionale utilizzata intera, macinata, tritata o tostata. La storia racconta che questi dolcetti venivano preparati e serviti dalle famiglie contadine durante ricorrenze importanti o banchetti nuziali.

Purceddhuzzi. I Purceddhruzzi o Purcidhuzzi sono un tipico dolce salentino di origine antichissima, riconducibile ai tempi del Medioevo, che viene preparato con l’antica ricetta tramandata dalle nonne.  Si presentano come dei piccoli bocconcini di pasta fritti e poi ricoperti di miele e confettini colorati. Ogni paese conserva una ricetta diversa dello stesso dolce, ma l’ingrediente che non può assolutamente mancare è l’olio extravergine d’oliva aromatizzato con le bucce di agrumi (arance, limoni o mandarini) che rendono il dolce speziato e particolarmente friabile.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui