Cabtutela.it
Aproli

Lo chiamavano Franco “Millelire” perché con la sua lunga barba bianca ricordava il ritratto di Marco Polo stampato sulle vecchie 1.000 Lire. Ieri, 6 gennaio, il 76enne Francesco Santoro ha lasciato amici e parenti ed è stato ricordato con affetto sui social network.

Era conosciuto nel centro di Lecce come una web star grazie alla partecipazione a tantissimi video dei Party Zoo Salento e alle gag con i “Lesionati”. Proprio questa pagina Instagram, con un post pubblico ha annunciato la morte del loro amico:

“Oggi è un giorno triste per noi, per Lecce e per tutto il Salento. L’ultimo eroe, l’ultima leggenda vivente, L’ultimo mito, Re della nostra terra ci ha lasciati. Un uomo meraviglioso, buono, perdutamente innamorato della sua città, educatissimo, sempre positivo, amante della vita, della movida, del mondo della Notte, e pazzo per i giovani. Il Pr più famoso d’ Italia. Un uomo straordinario, fuori dagli schemi, fresco, grandissima fonte di ispirazione per i tantissimi video da noi realizzati dall’inizio ad oggi. Un uomo dall’ altissimo tasso di pecorosità, amante romantico, leggiadro e sincero estimatore delle donne della sua terra. Un uomo dal divertimento sano, che non ha mai conosciuto nè droghe nè sballi a buecchiu nelle sue infinite nottate, un uomo che non ci ha mai detto ‘Sono stanco scià curcamuni’, un mito che ha vissuto la sua vita tutta d’un fiato col sorriso sulle labbra nascoste dalla sua mitica barba bianca, si legge sulla pagina del social network.

“Un uomo ‘old school – proseguono i suoi amici – che non messaggiava, ma telefonava, che non sapeva cosa significasse essere ‘online su whatsapp’, cosa fossero le doppie spunte blu, o i filtri di Instagram, i followers, i like, i post e diavolerie varie, perché lui era reale e concreto, assolutamente anti-mediatico nonostante per tanti fosse il Re del web salentino. Grazie per la tua amicizia, per il tuo averci voluto bene come figli così come noi te ne abbiamo voluto immensamente e sinceramente. Grazie per tutte le risate, le serate, le nottate, le albe e i tramonti vissuti insieme. Da oggi nulla sarà più come prima ma tu sarai per sempre con noi e dentro di noi in tutto quello che faremo. Ciao Millelire, ciao Superpecoratore, ciao Franco”.

Foto Thelesionatiofficial


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui