Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Il gup del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis ha assolto «perché il fatto non costituisce reato», per difetto di dolo, l’ex direttore sanitario del Policlinico di Bari, Maria Giustina D’Amelio, accusata di omissione di atti d’ufficio per il mancato rilascio di tutta la documentazione sanitaria relativa alla morte di Angela Valeria Lepore, la 27enne di Toritto (Bari), agente di Polizia Penitenziaria, deceduta nel luglio 2014 dopo tre interventi chirurgici negli ospedali pugliesi di Manduria, Santissima Annunziata di Taranto e Policlinico di Bari.

Stando alla denuncia della famiglia Lepore e alle successive indagini della Procura di Bari, coordinate dal pm Claudio Pinto, la dirigente, difesa dall’avvocato Antonio La Scala, tra giugno e settembre 2017 avrebbe omesso di rilasciare la documentazione sanitaria completa sul decesso della ragazza, più volte chiesta dalla famiglia. Durante il processo, celebrato con il rito abbreviato, è stata la stessa Procura a chiedere l’assoluzione. Sulla vicenda della morte della 27enne pendono attualmente altri procedimenti penali dinanzi al Tribunale di Taranto per omicidio colposo e falso, a carico di due medici dell’ospedale Santissima Annunziata, dove Valeria Lepore subì il primo intervento chirurgico.

Nell’arco di 40 ore la ragazza, dopo essere stata trasferita dal pronto soccorso di Manduria agli ospedali di Taranto e poi al Policlinico di Bari, dove fu dichiarato il decesso, fu sottoposta a tre interventi, di rimozione di un calcolo renale, di impianto di un polmone artificiale e infine di craniectomia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui