Cabtutela.it
acipocket.it

In questo periodo tutte le famiglie italiane stanno facendo i conti con l’emergenza sanitaria e con l’obbligo di restare a casa. Non deve quindi stupire quanto segue: in tanti stanno scoprendo (o riscoprendo) le tradizioni del “fatto in casa”, soprattutto in ambito culinario.

Chi si occupa di marketing avrà già notato un vero e proprio boom delle ricerche su Google riguardanti le ricette e i prodotti legati al mondo delle preparazioni, fra elettrodomestici e utensili. Altro non è che il riflesso dei tempi che corrono, e che vedono la cucina diventare grande protagonista delle routine quotidiane. Da questo punto di vista, spopolano prodotti come il pane e la pizza fatti in casa, ad esempio con la semola di grano duro.

Ecco la ricetta del pane di semola di grano duro

Fra le ricette più interessanti, come anticipato poco sopra, c’è quella del pane, che si può anche fare con la semola di grano duro, così da avere un risultato ancora più gustoso e caratteristico.

Per prima cosa, bisogna sciogliere in acqua il lievito e il miele, e poi arriva il momento di aggiungere la farina nella ciotola. Qui il consiglio è di sceglierne una semola rimacinata di grano duro di buona qualità, come quella di La Molisana ad esempio, che contribuisce senza dubbio alla buona riuscita dell’impasto. A questo punto è possibile iniziare ad impastare la pagnotta sulla spianatoia, aggiungendo olio e sale, e proseguendo per una decina di minuti circa. In seguito, bisogna iniziare a far lievitare l’impasto mettendolo nel forno spento attendendo due ore per questa fase, e incidere la superficie della pagnotta con il coltello. Poi può finalmente iniziare la cottura in forno, per 30 minuti, a 200 gradi.

C’è un trucco molto utile per ottenere una crosta croccante e gustosa, ed è il seguente: prima della cottura, conviene inserire in forno un pentolino con acqua, scaldando l’elettrodomestico, così da consentire l’evaporazione e la creazione del giusto grado di umidità. Infine, occorre ricordarsi che la pagnotta di pane va tagliata a fette soltanto dopo il suo totale raffreddamento.

Come mantenere il pane fresco più a lungo?

Buttare gli alimenti è sempre un peccato, soprattutto quando sono frutto del nostro impegno e del nostro lavoro, ed è una regola che si applica in special modo al pane. Ci sono diversi trucchi per mantenerlo fresco per più tempo, ed uno dei migliori è il seguente: si consiglia innanzitutto di avvolgere le fette nella carta stagnola e di congelarle, e questo è un metodo famoso e molto gettonato.

In secondo luogo, dopo la preparazione, è consigliabile tagliare la pagnotta a fette entro le prime 24 ore, perché così eviteremo che la crosta possa diventare troppo dura. Infine, il pane non va mai scongelato interamente, dato che è preferibile selezionare soltanto le fette da consumare.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui