Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Nel pomeriggio del 12 giugno i poliziotti della Squadra Mobile di Bari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, dal GIP del Tribunale di Bari, a carico di Nicola Diacono, classe ’77, responsabile di aver commesso lo scorso 3 gennaio a Ceglie del Campo, una rapina ai danni di un anziano signore di 91 anni il quale aveva prelevato, poco prima, la somma di € 1100 da un ufficio postale. (video in basso)

Le indagini hanno consentito di raccogliere chiari elementi a carico del 43enne, nonostante la vittima non fosse stata in grado, in sede di denuncia, di riconoscere il reo ma solo di fornire una sommaria descrizione.

Gli investigatori, dopo aver acquisito le prime informazioni dalla denuncia della vittima e dai testimoni, hanno raccolto e visionato alcuni filmati delle telecamere di video sorveglianza collocate nella zona in cui è avvenuta la rapina. In tal modo si è riusciti a ricostruire tutto il percorso che il Diacono aveva effettuato prima e dopo il delitto, riuscendo ad individuare altresì l’autovettura con cui il predetto si era allontanato subito dopo il fatto. Non meno importante, nel corso delle indagini, è stata la collaborazione dei testimoni che hanno fornito dettagli fondamentali per l’identificazione dell’autore.

La rapina all’anziano signore non è stata di poco conto in quanto l’autore ha mostrato “un indole inutilmente e spropositatamente violenta” – cita il Giudice nel provvedimento –  nel compierla, tenuto conto che ha afferrato l’anziano signore per il collo e dopo averlo più volte spintonato l’ha fatto cadere al suolo fortunatamente senza gravi conseguenze.  Le risultanze investigative della Squadra Mobile, compendiate in un’informativa alla Procura della Repubblica, hanno permesso di ottenere la misura cautelare in carcere.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui