Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

A Bari, attualmente, sono 2.489 i casi di persone in isolamento domiciliare, di cui 2.263 sono coloro che, di fatto, hanno contratto il Coronavirus. Di questi, sono 619 i casi di positività tra i giovani di età compresa tra i 20 e i 39 anni: 279 tra i ragazzi tra i 20 e i 29 anni – su una platea totale di 32.623 soggetti, per un dato percentuale dello 0.91% – e 322 quelli tra i giovani della successiva fascia, che invece conta 33.484 soggetti (0,90%). I dati, aggiornati al 10 di novembre, sono il frutto di una statistica stilata dal Comune di Bari per comprendere la direzione in cui orientare le iniziative a sostegno delle persone in stato di quarantena fiduciaria e, tra queste, quelle effettivamente malate di Covid19.

E, dall’analisi dei numeri, appare chiaro come siano i più giovani i soggetti proporzionalmente più colpiti dal virus tra quelli in isolamento. Seguono le fasce di età tra i 40 e i 49 anni (367 casi di positività su una platea 46.292 persone), tra i 50 e i 59 (396 casi Covid su 51.783 soggetti) e tra gli adolescenti tra i 10 e i 19 anni: tra questi ultimi, sono 221 i casi di isolamento fiduciario in cui si è manifestata, di fatto, l’infezione, con un dato percentuale pari a 0,75%. Tra le fasce dove l’incidenza dei casi di positività sul numero degli isolamenti è decisamente più bassa, quella dei bambini tra 0 e 9 anni (0,35%), e degli anziani tra i 90 e i 99 anni (0,5%) e tra i 100 e i 109 (0%).

L’indagine del Comune di Bari si focalizza, poi, sulle zone della città con maggiore concentrazione di casi di isolamento domiciliare, al netto del numero dei ricoveri ospedalieri. Tra queste, spicca di netto l’area compresa tra i rioni Marconi, San Girolamo, Fesca, San Paolo e comprensiva della zona industriale di Bari, in cui si conta un totale di 412 casi di persone costrette alla quarantena. A seguire, 336 casi tra Japigia, San Giorgio e Torre a Mare, 271 a Poggiofranco e 263 casi nel quartiere Libertà. Incidenza alta anche a Carrassi, con 211 persone in isolamento.

Con 99 casi di isolamento, il quartiere Umbertino è quello che, in valore assoluto e alla data del 10 novembre, registra la minor concentrazione di persone in stato di quarantena fiduciaria. Quanto al numero di baresi che sono coinvolti in una situazione di isolamento, perché appartenenti a famiglie con almeno una persona in quarantena, il numero complessivo per l’intera area cittadina sale a 5.026.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui