Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Ricchi di acqua, vitamine e sali minerali preziosi per l’organismo. Parliamo dei germogli di soia, alimenti vivi e vitali ricchi di enzimi utili per favorire la digestione, ma non solo.

Conosciuti sin dall’antichità e praticamente alla base della cucina orientale, nel corso degli anni si sono fatti sempre più strada giungendo sulle tavole italiane sotto diverse forme, latte o salsa di soia, ma anche olio e seitan.

Stando a quanto dichiarato dagli esperti, i germogli di soia, sono ricchi di sostanze benefiche, tanto da essere considerati dei veri e propri integratori. Oltre ad essere ricchi di vitamina C e fonte preziosa di proteine, sono dei veri e propri integratori naturali che aiutano a stimolare la diuresi e a disintossicare il corpo. Nello specifico, all’interno dei germogli di soia vi sono sali minerali come  ferro, calcio, potassio e fosforo. Tra le vitamine, oltre alla C, sono presenti la vitamina A, le vitamine B (in particolare B1, B2, B3) e la vitamina D. Tutti questi elementi contribuiscono al benessere della salute.

Tra gli effetti positivi apportati dal consumo di germogli di soia, vi sono sicuramente gli effetti dimagranti. La soia infatti migliora il metabolismo, quindi, se inserita in un regime alimentare controllato, può favorire la perdita di peso. Ma non solo, secondo recenti studi la soia sarebbe avrebbe anche proprietà antitumorali.

Importante anche l’alto contenuto di fibre, utile per il benessere intestinale. All’interno dei germogli, oltre a quanto già citato, vi è inoltre la lecitina, sostanza contenuta nel legume che offre supporto nel regolare i livelli di colesterolo nel sangue e nei fitoestrogeni, ormoni naturali che possono essere utili soprattutto nel periodo della menopausa.

Tra le altre proprietà benefiche, oltre al saper tenere a bada il colesterolo fluidificando il sangue e al contrasto alla stitichezza, il consumo dei germogli di soia fornisce supporto alla cute, rallentando la caduta dei capelli. Infine, inseriti in un piano alimentare controllato, supportano il contrasto all’osteoporosi. Questo, grazie alle proteine presenti al loro interno, capaci di aiutare ad assimilare la vitamina D, sostanza fondamentale per la salute delle ossa. Ecco due ricette semplici e veloci per poterli gustare.

GERMOGLI DI SOIA SALTATI IN PADELLA

Una ricetta tipica orientale da portare in tavola. Per prepararla, è necessario prima di tutto, mettere i germogli di soia in ammollo in acqua molto fretta. Lasciateli a bagno per almeno dieci minuti, successivamente sciacquateli per bene e asciugateli, lasciando scolare l’acqua in eccesso. A parte sbucciate una cipolla e un aglio. Tagliate a pezzi sottilissimi la prima, mentre spremete il secondo. Versate in una padella, preferibilmente antiaderente, dell’olio extravergine di oliva (se preferite, per un tocco maggiormente orientale, potete utilizzare l’olio di cocco). Aggiungete cipolla e aglio e lasciate soffriggere per qualche minuto. Non appena la cipolla si sarà dorata aggiungete i germogli di soia (almeno 50 grammi a persona). Successivamente aggiungete la salsa di soia, due cucchiai basteranno. Saltate in padella i germogli per almeno cinque minuti aggiungendo, infine, dello zenzero grattugiato. Aggiustate di sale, aggiungendo un tocco finale di pepe e succo di limone. Ricordate che la salsa di soia è già molto salata di suo, pertanto probabilmente non sarà necessario aggiungere altro sale.

ZUPPA DI GERMOGLI DI SOIA

Con l’arrivo del freddo non c’è niente di meglio di una zuppa calda. Per prepararla con i germogli di soia (ne bastano circa 150 grammi per due persone), basta, dopo averli puliti, procedere con il normale processo utile per cucinare il brodo vegetale e successivamente versare quest’ultimo, una carota tagliata a pezzettini, una cipolla e dello zenzero fresco grattugiato in una pentola. Portate ad ebollizione il brodo e abbassate la fiamma aggiungendo un cucchiaio abbondante di aceto di mele, della salsa di soia, sale e pepe. Lasciate bollire per ancora dieci minuti, infine aggiungete i germogli di soia e fate cuocere per cinque minuti. La vostra zuppa sarà pronta, consigliamo di servirla calda e accompagnarla con dei crostini aromatizzati all’origano e all’olio d’oliva.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui