Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Sei casi di ‘variante inglese’ Covid-19 sono stati riscontrati in Campania dai ricercatori del gruppo di sequenziamento genomico coordinato da Davide Cacchiarelli presso l’istituto Telethon di Genetica e Medicina di Pozzuoli, il Tigem. I sei tamponi provenivano da viaggiatori di ritorno da Londra, controllati nei giorni scorsi nell’aeroporto di Capodichino prima della sospensione dei voli dal Regno Unito.

I ricercatori hanno determinato la sequenza completa del genoma virale in 115 tamponi positivi eseguiti negli ultimi mesi in Campania dall’Istituto Zooprofilattico. In Puglia invece sono due i casi individuati.

Altri tamponi positivi al Sars-CoV-2 compatibili con la ‘variante inglese’ del virus e isolati da due laboratori della rete regionale abruzzese sono stati inviati all’Istituto Spallanzani di Roma per la conferma del risultato diagnostico. Lo hanno disposto l’assessore alla Salute della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì, e il referente regionale per le maxi-emergenze sanitarie, Alberto Albani, sulla base dei protocolli scientifici vigenti.

E sono tre i pazienti già individuati in Veneto positivi alla variante inglese del virus Sars-CoV-2. Lo ha detto oggi Antonia Ricci, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezia, illustrando nel punto stampa della Regione i risultati preliminari di studi di sequenziazione sulle varianti del virus. Ricci ha spiegato che lo zooprofilattico ha messo a punto un modello rapido che identifica le mutazioni tipiche della ‘variante inglese’, senza rendere necessario il sequenziamento del genoma, che viene fatto successivamente. “Avevamo individuato – ha detto – 5 campioni di pazienti che avevano un collegamento con il Regno Unito, sospetti quindi di essere portatori di questa variante: di questi, 3 sono risultati positivi alla variante, due a Treviso, uno a Vicenza”.

Intanto il Giappone non consentirà l’ingresso nel paese agli stranieri a partire da lunedì per contrastare la diffusione del covid-19. Il provvedimento sarà in vigore fino alla fine di gennaio. Lo ha comunicato il governo giapponese, riferisce l’agenzia Nikkei. Sarà consentito il rientro nel paese ai cittadini giapponesi e agli stranieri che vivono in Giappone.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui