Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Al via il servizio straordinario di pulizia dei cigli stradali. La misura, che sarà operativa a partire dai prossimi giorni, verrà attuata, in particolare, grazie alle segnalazioni delle singole amministrazioni provinciali, che indicheranno le zone in cui le aziende incaricate della raccolta, dovranno intervenire.

Il servizio, va specificato, si è reso possibile grazie ai 2.620.000 euro stanziati dalla Regione Puglia, Ager, d’accordo con Anci Puglia, che hanno concluso la gara per gli interventi straordinari di raccolta, carico, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sulle strade provinciali pugliesi. Ad Ager toccherà individuare, con procedura pubblica, le aziende per gli interventi.

“Quella dei rifiuti abbandonati sulle strade provinciali – ha dichiarato la presidente di Ager, Fiorenza Pascazio – rappresenta da sempre una criticità enorme per i Comuni pugliesi, che spesso si ritrovano senza le risorse necessarie per mettere riparo ad atti di profonda inciviltà che deturpano il territorio, arrecando alle nostre comunità danni non solo di carattere ambientale, ma anche di immagine, che ricadono sull’attrattività turistica della regione. Ecco perché abbiamo deciso di replicare un’iniziativa che già negli anni scorsi era stata apprezzata dai Comuni e che si era rivelata efficace contro quell’annoso problema”.

“Il servizio straordinario di pulizia delle strade provinciali – ha commentato invece il direttore generale di Ager, Gianfranco Grandaliano – fa il paio con la gara per dotare i Comuni pugliesi di fototrappole. Il messaggio è chiaro: i Comuni, Ager e la Regione Puglia metteranno in campo ogni sinergia possibile non solo per ripulire il nostro prezioso territorio, ma anche per scovare chi non lo rispetta, sfregiandolo con il proprio comportamento irrispettoso e illegale”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui