Cabtutela.it
acipocket.it

“Nel piano straordinario delle vaccinazioni anti Covid-19 la Regione Puglia ha dimenticato tra le figure del personale scolastico quello addetto all’integrazione e assistenza agli alunni disabili, operante nelle varie scuole di ogni ordine e di ogni grado”. La denuncia giunge, tramite una nota congiunta, dai segretari regionali di Cgil Puglia, Filomena Principale, e di Fp Cgil Puglia, Angelo Ricucci. Questi ultimi sottolineano come, nelle indicazioni operative dettate dalla Regione, nell’ambito del sistema scolastico, si faccia riferimento solo a docenti e personale Ata.

“Parliamo di tutto quel personale (educatori professionali, assistenti alla comunicazione, tiflologi)  afferente all’assistenza specialistica e integrazione – spiegano i sindacati nella nota – È il caso di far rilevare che questo personale, seppur impegnato in Dad o Ddi, presta anche attività in presenza, con attività di laboratori. Altresì, nella catena epidemiologia – si legge – si possono potenzialmente configurare sia come ospiti suscettibili che come potenziali sorgenti d’infezione, con una ricaduta sia in termini di sicurezza per loro stessi che per ulteriori diffusioni di contagi sull’utente finale del servizio, quale il disabile”.

In tal senso Cgil e Fp Puglia hanno chiesto alla Regione, come già rappresentato nell’incontro della cabina di regia del 5 febbraio scorso, “di provvedere a raccogliere anche per questi lavoratori le manifestazioni di interesse e conseguentemente avviare la somministrazione della vaccinazione nei e nei termini in analogia al personale docente e Ata”. Un metodo, quello della manifestazione di interesse, per il quale la Cgil auspica un coordinamento regionale onde evitare che ogni direzione scolastica proceda per suo conto. “Anche perché abbiamo appreso che alcune stanno invitando tali figure professionali escluse dalle indicazioni operative della Regione a candidarsi, mentre in altre no e questo sta creando caos tra gli operatori – spiegano i referenti delle sigle sindacali – La Regione intervenga con una nota di chiarimento e procrastinando le scadenze delle manifestazioni di interesse per questa fascia di personale, fissata per il 15 febbraio”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui