Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Più della metà degli edifici scolastici presenti sul territorio pugliese, più precisamente il 51,7%, necessita di interventi urgenti di manutenzione. Inoltre, ben l’88,1% di questi non è stato sottoposto a verifica di vulnerabilità sismica. I dati sono stati pubblicati nella 20esima edizione di “Ecosistema Scuola 2021” di Legambiente e sono relativi al 2019, elaborati in base ad un campione di 233 edifici scolastici di Bari, Foggia, Lecce e Taranto (i dati di Brindisi e Barletta-Andria-Trani non sono pervenuti) per una popolazione scolastica complessiva di 73.799 persone.

Il report rileva che, sul territorio regionale, in sette anni, meno della metà dei progetti finanziati per l’edilizia scolastica è stata conclusa: La Puglia conta 276 progetti finanziati, destinati solo all’11,2 % di edifici sul totale regionale e con una durata media di lavori di 379,46 giorni, solo il 46% di questi risulta concluso. Secondo il dossier, in Puglia nessun edificio ad oggi è stato costruito rispettando criteri di bioedilizia e, sul fronte delle certificazioni e accessibilità, solo sul 20,3% viene dichiarato il collaudo statico, il 21,5% ha il certificato di agibilità e il 74% ha quello di prevenzione incendi.

In particolare, il rapporto si concentra sul fronte dei servizi, dove i dati rilevano che il 70,9% degli edifici ha giardini e aree verdi fruibili, il 77,6% dispone di biblioteche (dati superiori alla media nazionale) e il 6,4% usufruisce di servizio pedibus o percorsi sicuri casa-scuola. Il 62,2 % degli edifici è dotato, poi, di impianti per lo sport (dato superiore alla media nazionale e del sud Italia) e il 39,7 % è aperto anche in orario extrascolastico. Tuttavia il 30,8% degli impianti necessitano di interventi di riqualificazione urgenti. I dati relativi alle mense scolastiche rivelano che l’87% di edifici che somministra pasti biologici mostra attenzione ai prodotti igp e dop. Bari è tra le città che somministrano pasti 100% bio, mentre il 100% delle strutture prevede menù alternativi per ragioni culturali o religiose. Infine, nota positiva per l’impiego di energie pulite, con un dato più elevato rispetto a quello delle altre regioni italiane: ben il 66,9% delle scuole pugliesi utilizza fonti rinnovabili.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui