Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Piante, fiori ed essenze per far tornare a splendere Largo Albicocca e dare nuova vita alle fioriere in stato di degrado e abbandono. E’ la proposta portata avanti dall’associazione Retake Bari che più di una volta si è impegnata per far tornare a splendere luoghi o strutture in stato di abbandono. Questa volta, al centro dell’iniziativa dell’associazione, c’è la piazza degli innamorati baresi per eccellenza.

Si tratta di uno dei luoghi più caratteristici del barese, situato nel cuore della città vecchia. Quel luogo, tra i più frequentati dai cittadini, ma anche dai turisti, è particolarmente apprezzato per la sua bellezza tipica, ma anche per le sue luci, un dettaglio preziosissimo che contribuiscono a creare un’atmosfera magica e rendono questo luogo tra i preferiti, soprattutto degli innamorati. Non è tutto oro quel che luccica però. Molto spesso infatti, proprio all’interno delle fioriere, ormai rovinate dal tempo, è possibile imbattersi in rifiuti di ogni tipo. Dalle carte, alle bottiglie di birra fino ad arrivare cicche di sigarette.

L’obiettivo di Retake, è quello di far tornare a splendere Largo Albicocca, non solo ripulendo dai rifiuti, ma anche abbellendo gli arredi, intervenendo con dipinti utili “per riportare la bellezza in un luogo magico” e, infine, piantando fiori, piante ed essenze di cui i volontari e tutti i cittadini che ne avranno voglia, potranno prendersi cura. Per l’occasione i volontari hanno organizzato una raccolta fondi nel tentativo di raccogliere circa 500 euro che saranno utili per poter acquistare i fiori e il materiale necessario per dare nuova vita alla piazza degli innamorati.

“Scriviamo una nuova dichiarazione d’amore per la nostra città – hanno scritto i volontari sui social – prendiamoci cura tutti insieme di una delle piazze più belle del borgo antico. Serve il sostegno di tutti” – hanno concluso.

 

(Foto Facebook Retake Bari )


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui