Cabtutela.it
acipocket.it

Sono almeno otto i furgoni completamente distrutti dall’incendio che si è verificato nell’autorimessa in via Ospedaletto ad Andria durante la calda giornata di ieri. Immediato l’avvio di una macchina della solidarietà per aiutare i commerciandi che hanno visto letteralmente andare in fumo la propria merce. L’autorimessa, ricordiamo, principalmente utilizzata dagli ambulanti andriesi che parcheggiano lì i propri mezzi pesanti, è stata vittima di un grosso incendio che ha letteralmente invaso di fumo intenso Andria e le città vicine.

Gli ambulanti, vittime principali del drammatico evento, appresa la notizia, nella giornata di ieri, si sono immediatamente recati presso il luogo per provare a sottrarre i propri autocarri alla furia delle fiamme. Per alcuni il tentativo è stato invano. Un momento difficile, soprattutto dopo l’anno appena passato che non può che aggravare la condizione degli ambulanti. Ragion per cui è partita immediatamente la macchina della solidarietà.

Presso la Task Force di Emergenza Sociale dell’Associazione di Categoria sono già arrivati moltissimi messaggi solidali nei confronti degli ambulanti di tutta la Puglia, ma non solo. Oltre alla vicinanza umana, in tanti hanno già garantito il proprio supporto economico per fronteggiare il momento drammatico di chi è stato colpito da questo evento. Vittime, principalmente, gli associati di CasAmbulanti. Dalle 7,30 di questa mattina, in particolare, è operativa la Sala di Emergenza allestita in via Piave 63 e si è inoltre messa in moto l’azione di raccolta fondi a sostegno degli Ambulanti colpiti dal dramma. Si comincerà con il mercato settimanale di Andria in Largo Torneo ma anche con tutti gli altri mercati del lunedì nelle province di Bari, Bat, Foggia ma anche fino al Salento dove gli Attivisti CasAmbulanti allestiranno i centri di raccolta. Ulteriori iniziative nelle prossime ore con l’apertura di un canale telematico per la raccolta fondi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui