Cabtutela.it
acipocket.it
“La Valle d’Itria. Cara Valle d’Itria. Dunque, la Valle d’Itria”. Inizia così un lungo post di Lorenzo Biagiarelli, esperto di cucina e viaggi, compagno di Selvaggia Lucarelli.
La Valle d’Itria viene presentata come il cuore pulsante della gastronomia pugliese, epicentro dell’arte culinaria non solo di una regione intera, ma quasi di tutta l’Italia peninsulare da Foggia in giù. Potete quindi capire le altissime aspettative Mi sto dilungando, quindi procedo con l’auto-domanda retorica: perché non ho scritto come ho mangiato in Valle d’Itria? Perché ho mangiato male. Quasi ovunque. Mangiar male ha tanti significati, quindi chiarisco: ho mangiato a volte male, a volte tremendamente sotto le aspettative, a volte in maniera sciatta e raffazzonata, altre in maniera pretenziosa e prezzolata, a volte nemmeno male ma con una mensa talmente scialba da non averne, in fin dei conti, nemmeno il ricordo“.
“Ho attraversato tutte le fasi dell’elaborazione del lutto e, alla fine, ho domandato a voci autorevoli il perché. Il gestore della casa – continua –  quando gli ho chiesto ‘dove posso mangiar bene qui in zona’ mi ha risposto di andare a casa sua, e a giudicare dalla qualità dei formaggi prodotti da sua moglie doveva aver ragione. Altri addetti ai lavori, che hanno chiesto l’anonimato, hanno attribuito questo fenomeno alla predominanza del turismo estero, principalmente americano, e al conseguente rilassamento dei ristoratori, che pensavano di potergli dare di tutto, tanto cazzo ne sanno gli americani? Solo che l’anno scorso di americani non ce n’erano. C’erano invece tanti italiani, esigenti, che probabilmente avevano pagato una settimana in masseria quanto un mese all inclusive in un 5 stelle a Bali e che, di conseguenza, avevano un certo tipo di aspettative. Puntualmente deluse”.
“La cosa assurda – prosegue –  è che la Valle d’Itria ha dei prodotti eccezionali. Latticini incredibili, abili affinatori, salumi prestigiosi, ortaggi e frutta saporita, olio profumato, grani antichi e moderni, pesce abbondante dall’Adriatico e molluschi dallo Ionio. Allora com’è che questi ingredienti ottimi non riescano ad esser trasformati in ottimo cibo? Non lo so, ma è stata una delusione tremenda, una media sconcertante. Ora, è chiaro, stiamo parlando di media, una media basata su sedici giorni di pasti affrontati da tre sole persone che, però, qualcosa di cibo lo capiscono. Se generalizzare è ingiusto, è altrettanto sbagliato non trarre conclusioni, anche sommarie. In sedici giorni in Valle d’Itria ho mangiato mediamente male“. Al termine del post Biagiarelli elenca comunque dieci luoghi dove ha mangiato bene. (foto facebook)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui