Cabtutela.it
acipocket.it

Dal 24 luglio al 19 agosto, torna per la terza edizione, il festival di teatro, musica, danza e burattini di Vico del Gargano dal titolo “Voci per Vico”. Organizzato dall’omonima associazione di promozione sociale “Voci per Vico”, con il sostegno di Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese e il Comune di Vico del Gargano, il festival torna dopo lo stop di due anni, causato in parte dalla pandemia.

Diciassette gli eventi previsti tra spettacoli teatrali, reading letterari, una rassegna cinematografica e la novità del servizio di Baby Club per i bambini. I luoghi scelti per gli eventi sono Palazzo Della Bella, l’abbazia Santa Maria Pura e la spiaggia di Calenella. Il tema scelto: quello della violenza sulle donne, con un titolo simbolico che abbraccia tutto il programma, “Credevo mi amasse”, che è anche il titolo dello spettacolo della compagnia AltraDanza di Bari, con le coreografie di Domenico Iannone, protagonista della serata del 2 agosto.

“Sappiamo che durante i recenti mesi di prigionia domestica le violenze sulle donne sono aumentate, ed è per questo che abbiamo voluto dedicare gli spettacoli di quest’anno a tutte coloro che le hanno subite” – ha spiegato il direttore artistico Francesco Esposito – “portare alla luce questa realtà attraverso l’arte è il modo migliore per rendere loro omaggio e per far sì che se ne continui a parlare. Perché se restare in silenzio è come rendersi complici, noi, con le nostre ‘Voci’, le donne vogliamo farle parlare, cantare, danzare” – ha concluso.

Tra gli eventi di particolare prestigio internazionale per domenica 25 luglio, ci sarà il “teatro dei piedi” di Verónica González in “C’era due volte un piede”, spettacolo che ha girato il mondo con le sue marionette in carne ed ossa. Gli spettacoli saranno gratuiti e i posti disponibili limitati (nel rispetto delle norme Covid). Il programma completo della rassegna è disponibile sul sito www.vocipervico.it.

Foto Ansa


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui